Risposta alla lettera di Ziberna

Egr. Signor Rodolfo Ziberna,
Consigliere del Libero Comune di Pola in Esilio

Oggetto: Tua nota del 09 giugno 2009

Caro Ziberna, ripercorro il tuo intervento all’Assemblea generale di Torino convocata sabato 23 giugno, con l’invito a preparare insieme ai rappresentanti dell’Unione degli Istriani, una serie di proposte operative da discutere con un similare gruppo di lavoro delle altre Associazioni di esuli, al fine di reimpostare un “comitato” rappresentativo, portavoce unico delle diverse rappresentanze degli esuli verso il mondo esterno e le Autorità di Governo.

Ricordo il tuo comportamento e la tua disponibilità a collaborare con l’Unione degli Istriani a tale scopo. Proponevi, a tal fine, riunioni informali e preliminari nelle quali elaborare un documento congiunto (L.C.P.E. – U. degli I.) con una serie di regole di comportamento e di proposte per la soluzione dei nostri problemi essenziali, da discutere con le altre componenti associative. Q

uesta Tua proposta verbale è stata recepita e da te controfirmata, insieme a tutti gli altri Consiglieri eletti, senza alcuna riserva, nella mozione finale del Congresso. Copia del documento firmata in originale, è conservata presso la Segreteria dell’Associazione. La Tua lettera, indirizzata ai soli Presidente dell’Associazione e Direttore dell’Arena di Pola, avrebbe potuto anche essere considerata, con molta buona volontà, come una proposta di “risoluzione” o “mozione” da discutere alla prossima riunione di Consiglio, ma è stata invece ampiamente diffusa, contemporaneamente, e senza, neppure attendere la nostra replica, al di fuori dell’Associazione e addirittura pubblicata su siti internet, assumendo così, per i toni e contenuti, le dimensioni di una severa critica e presa di posizione contro la stessa mozione dell’Assemblea e del Consiglio dell’Associazione da te sottoscritta.

Il Tuo inqualificabile, incongruente, modo di agire mi ha lasciato molto perplesso, Ti ho conosciuto a Torino, mi eri sembrato persona corretta, preoccupata, come tutti noi, dei fatti accaduti in questi ultimo anni e desideroso di porvi rimedio. Ho scoperto, mio malgrado, una persona scorretta, che invece di costruire, tende vieppiù, ad avvelenare e porre ostacoli alla realizzazione degli obbiettivi che mi proponevo di raggiungere nel corso del mio mandato e che erano stati unanimamente accettati dal Consiglio e dall’Assemblea. Nell’ultima frase del mio “Saluto ai Polesani” pubblicato sull’Arena di Pola del 30 maggio u.s., scrivevo: “Per conseguire questo obbiettivo, ho, abbiamo, bisogno della vostra incondizionata collaborazione” Intendendo per “incondizionata collaborazione” una critica serena e costruttiva all’operato del Consiglio, purtroppo non mi pare che il mio mandato inizi sotto buoni auspici, come avevo sperato! Sono un inguaribile ottimista (alla mia età è difficile cambiare), nonostante anch’io, come Piero Tarticchio ed altri, abbia avuto seri motivi per dubitare che “tutti” gli esuli siano animati da buona volontà e da un reale desiderio di “remare” insieme per contribuire alla nostra causa.

Ti avevamo accolto senza esitazioni nella nostra Comunità di esuli da Pola, la Tua lettera ci ha riportato con i piedi per terra, la pubblicità datale non potrà che portare ulteriori danni e suscitare nuove polemiche, era proprio questo che volevi? C’era una via democraticamente corretta e sicuramente più trasparente per presentare le tue idee sui temi che hai trattato nella lettera del 9 giugno, ovvero chiedere di metterla all’ordine del Giorno del prossimo Consiglio, sostituirla con una mozione, presentare una proposta articolata su ciò che tu stesso avevi proposto al Consiglio (creazione di un gruppo ad hoc per preparare il documento congiunto da discutere con le associazioni consorelle).

Considerate le affermazioni da me fatte nel corso dell’A. G. e della riunione del primo Consiglio e delle relative mozioni approvate, i rapporti e la collaborazione con l’Unione degli Istriani proseguirà, ovviamente, come per il passato, a meno di una decisione contraria del Consiglio. Nel nostro Consiglio c’è sempre stata chiarezza e libertà di parola, i Consiglieri hanno sempre potuto esprimere il loro parere e supportare il loro punto di vista, tu sei stato liberamente eletto in Consiglio e, mi auguro che le tue critiche tu le possa fare in quella sede prima di renderle pubbliche, sia per correttezza nei riguardi degli altri Consiglieri, che per le regole di buona educazione e quelle che i criteri di convivenza civile impongono Approfittando della nostra buona fede, hai pensato fosse opportuno, con il tuo incoerente comportamento, di affondare, subito, la nostra iniziativa, prima ancora che iniziasse il dialogo con le altre Associazioni. Ciò non ci farà cambiare idea sui nostri programmi di collaborazione, ma, certamente, in futuro, saremo più attenti nel scegliere persone più affidabili e seriamente motivate alla nostra causa comune per far parte del nostro Consiglio.

Con disistima,

Argeo Benco
Sindaco del Libero Comune di Pola in Esilio

  •                   Logo AIPI LCPE

    Notizie Importanti

    ANTICO STATUTO COMUNE DI POLA  Click QUI

    Legenda contenuti ANTICO STATUTO DI POLA Click QUI

     

    RASSEGNA DI FOTO E FILMATI    Click QUI

     

    per devolvere il 5%o a AIPI-LCPE   Codice Fiscale 90068810325

     

    ARCHIVIO STORICO DE L' ARENA DI POLA

    TUTTI GLI ARTICOLI Click QUI
    DAL 1948 AL 2009 

    vai su: www.arenadipola.com

     INFORMAZIONI E RECAPITI 
    "ASSOCIAZIONE ITALINI DI POLA E ISTRIA_LIBERO COMUNE DI POLA IN ESILIO"  Acronimo AIPI-LCPE
    mail per informazioni e cellulare:
    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.                +39 388 8580593.

    recapito postale:
    c/o Tipografia Art Group S.r.l.
    via Malaspina 1
    34147 TRIESTE

    ***
    Costo Quota Associativa annuale, con invio del periodico L'ARENA DI POLA, euro 35,00 a mezzo bonifico bancario intestato a:
    Associazione Italiani di Pola e Istria-Libero Comune di Pola in Esilio (AIPI-LCPE)
    IBAN dell’UniCredit Agenzia Milano P.zle Loreto
    IT 51 I 02008 01622000010056393
    BIC UNCRITM1222.

    oppure 

    C/C/P 38407722 intestato a                "il Periodico L'Arena di Pola"

     ***

    Siamo anche su Facebook. Associazione Italiani di Pola e Istria - Libero Comune di Pola in Esilio
    Diventiamo amici.

    ***

    ELEZIONI dell' 11 giugno 2017

    Sindaco/Presidente:
    Tito Sidari
    Vice: Maria Rita Cosliani
    Direttore dell'Arena di Pola: Viviana Facchinetti

     (l'organigramma completo nella sezione
    Chi siamo")