COMUNICATO

150° ANNIVERSARIO  DELLA  FONDAZIONE DEL  REGNO  D’ITALIA:

il Libero Comune di Pola in Esilio invita ad esporre il Tricolore abbrunato

Il Libero Comune di Pola in Esilio, interprete dei vivissimi sentimenti d’italianità e di amor patrio degli abitanti di Pola e più in generale di Istria, Fiume e Dalmazia, aderisce con convinzione alle celebrazioni per il 150° anniversario della nascita dello Stato unitario italiano.

Evidenzia, tuttavia, che le Terre da cui le genti che rappresenta traggono le proprie origini non erano nel 1861 incluse nel Regno d’Italia e non lo sarebbero state sino al 1918; ne hanno costituito parte integrante nel solo breve periodo compreso tra il 1918 ed il 1945 subendo gravissimi travagli; sono state definitivamente escluse dal territorio nazionale della nuova Repubblica Italiana a seguito dell’iniquo Trattato di Parigi del 10 febbraio 1947. Tuttavia, migliaia di loro figli sono morti nel nome d’Italia durante il Risorgimento, la Grande Guerra ed il Secondo Conflitto Mondiale ed altri 350.000 tutto hanno abbandonato pur di rimanere cittadini Italiani.

Nell’attuale momento celebrativo l’assai rilevante contributo dato da Istriani, Fiumani e Dalmati alla nascita ed alla crescita dello Stato Italiano risulta ampiamente sottaciuto. Ciononostante, il Libero Comune di Pola in Esilio invita gli esuli ad esporre il Tricolore abbrunato al fine di onorare tutti coloro che, in pace e in guerra, hanno offerto la vita ed i propri sacrifici per la costruzione della Patria.