LETTERA DELL'ON.LUCIO TOTH AL LIBERO COMUNE DI POLA IN ESILIO

ASSOCIAZIONE NAZIONALE VENEZIA GIULIA E DALMAZIA

Associazione No profit con personalità giuridica, fondata nel 1953, iscritta al n.165/2002 del registro dell’Uff.Territoriale del Governo di Roma

Il Presidente nazionale

Roma, 23 giugno 2011

Al Signor Sindaco

del Libero Comune di Pola in Esilio

Dott. Argeo Benco

Sede

Caro Sindaco,

mi congratulo con Te, con la Giunta e con il Consiglio del Libero Comune di Pola in Esilio per il felice esito del Vostro 55° Raduno.
Avete battuto tutti in tempismo! Non sarà un esempio facile da seguire per altri sodalizi cittadini della nostra Diaspora. Emerge infatti una volta ancora la grande differenza tra le situazioni delle città più importanti dell’Esodo.
Pola, che sembrava la più restia al dialogo, specie da parte dei suoi esuli, è stata invece la prima a realizzare il sogno di svolgere un Raduno nella città natale: obiettivo che sfugge da decenni alle due associazioni consorelle di Zara e di Fiume, che pure avevano avuto la temerarietà di intraprendere il cammino prima di Voi.
La differenza dipende chiaramente dalle differenti condizioni storiche passate ed attuali.
La presenza di una forte comunità italiana residente a Pola e riconosciuta ufficialmente nella legislazione croata e negli accordi internazionali è il fattore sostanziale, perché le consente di esercitare un peso nella vita economica, politica e culturale della città. Ne discende l’atteggiamento più costruttivo delle autorità comunali e conteali, ben diverso da quello degli altri due capoluoghi "ceduti" con il trattato di pace. Certamente anche l’incontro dei Tre Presidenti a Trieste il 13 luglio dell’anno scorso può avere contribuito a una nuova atmosfera nei rapporti italocroati.
Ma tutto questo non sarebbe bastato se Voi non aveste saputo tessere un dialogo locale che, senza nulla cedere della nostra rivendicazione di italianità, ha riaperto un canale per ricostruire una memoria condivisa tra Polesi e tra Istriani. E questo è merito tutto Vostro.
Con amicizia fraterna,
On. Lucio Toth

  •                   Logo AIPI LCPE

    Notizie Importanti

    ANTICO STATUTO COMUNE DI POLA  Click QUI

    Legenda contenuti ANTICO STATUTO DI POLA Click QUI

     

    RASSEGNA DI FOTO E FILMATI    Click QUI

     

    per devolvere il 5%o a AIPI-LCPE   Codice Fiscale 90068810325

     

    ARCHIVIO STORICO DE L' ARENA DI POLA

    TUTTI GLI ARTICOLI Click QUI
    DAL 1948 AL 2009 

    vai su: www.arenadipola.com

     INFORMAZIONI E RECAPITI 
    "ASSOCIAZIONE ITALINI DI POLA E ISTRIA_LIBERO COMUNE DI POLA IN ESILIO"  Acronimo AIPI-LCPE
    mail per informazioni e cellulare:
    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.                +39 388 8580593.

    recapito postale:
    c/o Tipografia Art Group S.r.l.
    via Malaspina 1
    34147 TRIESTE

    ***
    Costo Quota Associativa annuale, con invio del periodico L'ARENA DI POLA, euro 35,00 a mezzo bonifico bancario intestato a:
    Associazione Italiani di Pola e Istria-Libero Comune di Pola in Esilio (AIPI-LCPE)
    IBAN dell’UniCredit Agenzia Milano P.zle Loreto
    IT 51 I 02008 01622000010056393
    BIC UNCRITM1222.

    oppure 

    C/C/P 38407722 intestato a                "il Periodico L'Arena di Pola"

     ***

    Siamo anche su Facebook. Associazione Italiani di Pola e Istria - Libero Comune di Pola in Esilio
    Diventiamo amici.

    ***

    ELEZIONI dell' 11 giugno 2017

    Sindaco/Presidente:
    Tito Sidari
    Vice: Maria Rita Cosliani
    Direttore dell'Arena di Pola: Viviana Facchinetti

     (l'organigramma completo nella sezione
    Chi siamo")