HO VISSUTO UN MOMENTO MAGICO

 HO VISSUTO UN MOMENTO MAGICO

Ho atteso qualche giorno prima di scrivere le mie emozioni, sensazioni, impressioni sul viaggio a Pola, 16-19 giugno 2011, organizzato per gli Esuli dalla mia Città. Non è facile descrivere le emozioni provate, prima di tutto perché eravamo si in tanti e però molto estranei fra noi, ci univa l’amore che tutti abbiamo provato nel rivedere Pola, l’Arena, il mare. Ritornare indietro nel tempo, sessantaquattro anni, e tanti ricordi espressi in dialetto e però parlato con accenti diversi, dal piemontese al genovese, al toscano, al romagnolo, al romano… faceva uno strano e colorito effetto sentire tante cadenze per un’unica forma dialettale.

E’ come se avessi fatto un sogno, ritrovarmi non più bambina nell’androne di Via Dante, angolo Via Capaccio, in una casa in cui la mia famiglia e tanti altri abbiamo abitato per diversi anni. Ero con altre persone la cui nonna abitava li, era amica di mia mamma. Ho suonato ad un campanello che poteva essermi amico, così è stato; è stato un accavallarsi di parole e soprattutto di pensieri. Non avrei mai pensato di poter entrare in quel portone che avevo aperto e chiuso tantissime volte. Questa è stata l’emozione più grande di cui ringrazio gli organizzatori, bravi, encomiabili; organizzare un’incontro senza sapere quanti sarebbero venuti è stata una sfida, ritrovarsi duecento persone ciascuna delle quali con il proprio bagaglio di ricordi, gioie e dolori che hanno frugato nella memoria e nelle via della ricerca di un pezzetto della loro vita e condensata nella fatidica frase: <<ti te ricordi>>.

L’abbraccio è stato soprattutto fra noi, anche se ideale. Abbracciare i rappresentanti della Comunità degli italiani personalmente non mi interessava, l’hanno fatto i rappresentanti degli Esuli. Un merito alla cittadina di Valle, che ci ha accolto con la banda, i cori, tanti crostoli e tante persone che apparentemente indifferenti, salutavano tutti con un calorosissimo <<buon giorno>>. Lo stesso vale per la cittadina di Dignano, che ci ha ospitato nella sede della Comunità degli italiani per una dissertazione sulle origini della Città. Si sono sorvolati momenti bui da entrambe le parti, la chiarezza non giova al fraterno abbraccio, anche se deve essere la base dei futuri rapporti. E però ho capito che, in silenzio, gli italiani sono ancora amati. La S. Messa in Duomo, le foto di circostanza e un pensiero ai marinai della nave affondata nel1918, nel Cimitero della Marina, hanno chiuso il mio momento magico.

Devo ancora riprendermi e capire che vivo fra le montagne, peraltro amiche, e non in riva alla spiaggia di Stoia, le cui acque verd’azzurre mi hanno riempito di gioia e di malinconia.

Cordialità. Anna Maria Marcozzi Keller (Rovereto)

  • Notizie Importanti

     

    5 x 1000  90068810325

     

    ARCHIVIO STORICO ARENA DI POLA

    TUTTI GLI ARTICOLI
    DAL 1948 AL 2009

    www.arenadipola.com

      RECAPITI 
    "Associazione Italiani di Pola e Istria-Libero Comune di Pola in Esilio" AIPI-LCPE

    - informatico:
    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

    cellulare +39 388 8580593.

    - postale:
    c/o Tipografia Art Group S.r.l.
    via Malaspina 1
    34147 TRIESTE

    ***
    Quota associativa annuale, che dà diritto a ricevere L'ARENA DI POLA, euro 35,00 a mezzo bonifico bancario intestato a:
    Associazione Italiani di Pola e Istria-Libero Comune di Pola in Esilio (AIPI-LCPE)
    IBAN dell’UniCredit Agenzia Milano P.zle Loreto
    IT 51 I 02008 01622000010056393
    BIC UNCRITM1222.

    oppure 

    C/C/P 38407722 intestato a "il Periodico L'Arena di Pola"

     ***

    Siamo anche su Facebook. Associazione Italiani di Pola e Istria - Libero Comune di Pola in Esilio
    Diventiamo amici.

    ***

    Dalle elezioni dell' 11 giugno 2017

     Sindaco/Presidente:
    Tito Sidari
    Vice: Maria Rita Cosliani
    Direttore dell'Arena di Pola: Viviana Facchinetti

     (l'organigramma completo nella sezione
    Chi siamo")