A proposito di critiche e parole "forti" di Carmen Palazzolo Debianchi

A proposito di critiche e parole "forti"

Scorrendo gli ultimi numeri del periodico «Unione degli Istriani» colpisce la critica frequente – peraltro non nuova – che vien fatta a chi nel mondo dell’esodo manifesta idee e comportamenti non in linea con quelli del sodalizio di cui il periodico è la voce.
Questa volta il bersaglio principale delle critiche è il Libero Comune di Pola in Esilio e i suoi aderenti. Si usano parole "forti", come umiliante (per il raduno degli esuli polesi a Pola), aberrante (per le dichiarazioni di alcuni organizzatori del suddetto raduno), e poi spudoratezza, ecc..

Per quanto riguarda il linguaggio, ho sempre pensato che chi ricorre a questo tipo di termini forse non possiede un vocabolario sufficientemente ricco per esprimere i medesimi concetti con parole più moderate, ma quel che mi colpisce di più non è tanto questo modo di esprimersi quanto l’intolleranza verso idee e comportamenti diversi dai propri, evidentemente gli unici ritenuti "giusti". È una cosa, questa, che nel mondo dell’esodo non dovrebbe assolutamente accadere perché uno dei motivi dell’esodo è stato proprio l’impossibilità di esprimere le proprie idee e di professare la propria fede religiosa senza tema di rappresaglie, persecuzioni o morte. Significa anche, a mio avviso, non essere capaci di vivere nella democrazia, che è pluralismo, capacità di vivere, operare, confrontarsi anche con chi ragiona in maniera diversa da noi, perché è proprio il confronto col diverso – non con quello che è simile a noi – che fa riflettere e arricchisce.
Questa incapacità di stare assieme nella diversità ci ha portato alle divisioni che continuano ad affliggerci. Niente abbiamo imparato dall’esperienza del passato, ma quello che mi rattrista di più è la constatazione che diversi dei nostri bravi discendenti manifestano le medesime chiusure degli anziani. Mentre però questi ultimi sono giustificati dal trauma terribile dell’abbandono della propria terra, a volte dalle persecuzioni subite personalmente o da propri cari, quale giustificazione hanno i giovani?

Carmen Palazzolo Debianchi

 

  • Notizie Importanti

     

    5 x 1000  90068810325

     

    ARCHIVIO STORICO ARENA DI POLA

    TUTTI GLI ARTICOLI
    DAL 1948 AL 2009

    www.arenadipola.com

      RECAPITI 
    "Associazione Italiani di Pola e Istria-Libero Comune di Pola in Esilio" AIPI-LCPE

    - informatico:
    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

    cellulare +39 388 8580593.

    - postale:
    c/o Tipografia Art Group S.r.l.
    via Malaspina 1
    34147 TRIESTE

    ***
    Quota associativa annuale, che dà diritto a ricevere L'ARENA DI POLA, euro 35,00 a mezzo bonifico bancario intestato a:
    Associazione Italiani di Pola e Istria-Libero Comune di Pola in Esilio (AIPI-LCPE)
    IBAN dell’UniCredit Agenzia Milano P.zle Loreto
    IT 51 I 02008 01622000010056393
    BIC UNCRITM1222.

    oppure 

    C/C/P 38407722 intestato a "il Periodico L'Arena di Pola"

     ***

    Siamo anche su Facebook. Associazione Italiani di Pola e Istria - Libero Comune di Pola in Esilio
    Diventiamo amici.

    ***

    Dalle elezioni dell' 11 giugno 2017

     Sindaco/Presidente:
    Tito Sidari
    Vice: Maria Rita Cosliani
    Direttore dell'Arena di Pola: Viviana Facchinetti

     (l'organigramma completo nella sezione
    Chi siamo")