LA MEMORIA E LA RICONCILIAZIONE di Maurizio Tremul

(La voce del Popolo del 25/04/2012)
La memoria e la riconciliazione

INIZIATIVE Il 12 maggio un importante percorso comune per esuli e rimasti

FIUME – È ancora ben vivo il ricordo dello storico 13 luglio 2010, quando i Presidenti della Repubblica Italiana, Giorgio Napolitano, della Repubblica di Slovenia, Danilo Türk e della Repubblica di Croazia, Ivo Josipović, hanno compiuto, con gesti simbolici di alto valore morale, un percorso della memoria e della pace sui luoghi delle sofferenze, dei torti fatti e di quelli subiti dai nostri popoli nel corso del ‘900. Un percorso che è poi proseguito il 3 settembre 2011, alla Comunità degli Italiani e successivamente all’Arena di Pola, quando i Presidenti croato Josipović e italiano Napolitano hanno letto la dichiarazione congiunta relativa ai due popoli, ai rapporti passati e a quelli comuni futuri.

TRIESTE E POLA Le parole pronunciate in quell’occasione dai due Capi di Stato hanno illuminato una realtà spesso poco considerata: quella del grande apporto che abbiamo dato soprattutto in questi ultimi vent’anni a partire dal rinnovamento profondo della CNI, iniziando dall’UI e dalle sue CI e Istituzioni, per la crescita culturale e democratica di queste terre e di questi Paesi. Dalla Costituente in poi, rifondando e democratizzando l’Unione Italiana, abbiamo contribuito a ridare dignità agli Italiani dell’Istria, del Quarnero e della Dalmazia e siamo grati ai due Capi di Stato per averlo voluto sottolineare. Senza questo pluriennale impegno, lo storico appuntamento di Pola non si sarebbe realizzato. Così oggi la presenza della Comunità Italiana in Slovenia e Croazia rappresenta indubbiamente un qualificante fattore di coesione e integrazione e queste terre sarebbero certamente più povere senza il contributo dato dagli Italiani alla costruzione di una secolare civiltà.


IL FUTURO COMUNE Sulla scia di questi impulsi rientra il percorso della memoria e della riconciliazione, con gli occhi rivolti al comune futuro di cittadini europei, che l’Unione Italiana e il Libero Comune di Pola in esilio effettueranno il prossimo 12 maggio 2012. Un percorso che intende rendere omaggio alle vittime degli opposti totalitarismi, scontratisi in modo cruento in queste terre nella prima metà del Secolo scorso. Ricordare quei tragici eventi vogliamo divenga occasione di meditazione sulle offese e sulle ingiustizie che abbiamo subito e su quelle che abbiamo inflitto, di pietas per le sofferenze nostre e di quelle altrui, di perdono e riconciliazione, di monito, affinché mai più abbiano a ripetersi.

QUATTRO MOMENTI Siamo convinti che per farlo dobbiamo in primis iniziare un cammino di riconciliazione tra gli Italiani rimasti e quelli esodati che si snoderà in quattro momenti. Una rappresentanza di esuli e di appartenenti alla Comunità Italiana deporrà, con silenzioso raccoglimento, una corona di fiori e, senza discorsi ufficiali o proclami, pronuncerà unicamente una preghiera di pace. Il primo riguarderà il monumento eretto pochi anni fa nel cimitero di Capodistria dalle Autorità slovene in ricordo delle vittime del regime comunista jugoslavo. Il secondo sarà al monumento di Strugnano in ricordo delle giovanissime vittime innocenti del 19 marzo 1921 per mano di alcuni fascisti. Il terzo sarà alla Foiba di Terli dove il 5 ottobre 1943 trovarono la morte molti civili innocenti, tra cui alcuni antifascisti. L’ultimo sarà al Monumento di Montegrande, eretto in ricordo degli antifascisti uccisi dai nazi-fascisti il 2 ottobre 1944. Siamo convinti che questo percorso, equilibrato e ragionato, rappresenti la giusta via per ricucire le ferite del passato e proseguire nella costruzione di un futuro migliore, invocato dalla popolazione di queste terre.

«NOI-NOI» Partecipiamo numerosi a questo importante percorso. Ritroviamoci assieme, riunite finalmente le famiglie, in raccoglimento spirituale sui luoghi degli orrori per suggellare il definitivo passaggio al "Noi – Noi" quando si parlerà in futuro degli Italiani di questi territori, sia essi vivano in Italia o nel mondo, sia essi vivano radicati sul territorio d’insediamento autoctono.

Maurizio Tremul

Il programma delle cerimonie

Ore 10.45: omaggio al Monumento alle vittime delle foibe al Cimitero di Capodistria;
ore 11.30: omaggio al Monumento di Strugnano nel Comune di Pirano eretto a ricordo delle vittime del 19 marzo 1921;
ore 16: omaggio alle vittime della Foiba di Terli nel Comune di Barbana;
ore 17: omaggio al Monumento di Montegrande nella Città di Pola alle vittime antifasciste.

  •                   Logo AIPI LCPE

    Notizie Importanti

    ANTICO STATUTO COMUNE DI POLA  Click QUI

    Legenda contenuti ANTICO STATUTO DI POLA Click QUI

     

    RASSEGNA DI FOTO E FILMATI    Click QUI

     

    per devolvere il 5%o a AIPI-LCPE   Codice Fiscale 90068810325

     

    ARCHIVIO STORICO DE L' ARENA DI POLA

    TUTTI GLI ARTICOLI Click QUI
    DAL 1948 AL 2009 

    vai su: www.arenadipola.com

     INFORMAZIONI E RECAPITI 
    "ASSOCIAZIONE ITALINI DI POLA E ISTRIA_LIBERO COMUNE DI POLA IN ESILIO"  Acronimo AIPI-LCPE
    mail per informazioni e cellulare:
    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.                +39 388 8580593.

    recapito postale:
    c/o Tipografia Art Group S.r.l.
    via Malaspina 1
    34147 TRIESTE

    ***
    Costo Quota Associativa annuale, con invio del periodico L'ARENA DI POLA, euro 35,00 a mezzo bonifico bancario intestato a:
    Associazione Italiani di Pola e Istria-Libero Comune di Pola in Esilio (AIPI-LCPE)
    IBAN dell’UniCredit Agenzia Milano P.zle Loreto
    IT 51 I 02008 01622000010056393
    BIC UNCRITM1222.

    oppure 

    C/C/P 38407722 intestato a                "il Periodico L'Arena di Pola"

     ***

    Siamo anche su Facebook. Associazione Italiani di Pola e Istria - Libero Comune di Pola in Esilio
    Diventiamo amici.

    ***

    ELEZIONI dell' 11 giugno 2017

    Sindaco/Presidente:
    Tito Sidari
    Vice: Maria Rita Cosliani
    Direttore dell'Arena di Pola: Viviana Facchinetti

     (l'organigramma completo nella sezione
    Chi siamo")