E' USCITO IL NUMERO DI AGOSTO DELL"ARENA DI POLA"

(Da La Voce del Popolo del 05/09/12)

È uscito il numero di agosto dell'«Arena di Pola»

Dalla tragedia di Vergarolla ad altri ricordi
POLA – Si presenta ricco di variegate notizie, pregnante nei temi e vivacemente spennellato di storia e memorie il numero di agosto dell’“Arena di Pola”, il foglio dell’associazione “Libero Comune di Pola in Esilio”. La rivista dà un accento particolare alla tragedia di Vergarolla, alla quale Silvio Mazzarolli, direttore responsabile della rivista, dedica il suo commento di prima pagina definendola “l’evento che più d’ogni altro ha segnato il nostro destino, inducendoci... all’esodo”.
Il testo di Mazzarolli con parole amare ed indignate commenta pure “l’atto vandalico perpetrato da ignoti nel Sacrario Italiano del Cimitero della Marina, che ha visto distrutta, oltre a quattro sacelli, la targa in memoria dei naufraghi della RN “Rossarol”, posta solo l’anno scorso dal “Libero Comune di Pola in Esilio. Sono in corso le indagini per identificare gli autori del misfatto.

Spiccano nella rubrica “Di qua e di là del confine” le notizie “al pepe” intitolate “Re Artù? Era croato!” - in cui l’articolista riporta la notizia, da fonti croate, secondo la quale il mitico Re britannico avrebbe avuto i natali a Igrane e sarebbe morto a Lokvičići, provincia di Spalato (!) - e, “Curzola si impossessa di Marco Polo”. In base alla già nota tesi, sostenuta da parte croata, il grande viaggiatore sarebbe nativo dell’isola dalmata (“Il personaggio più noto originario di Korčula”), onde per cui l’8 agosto scorso i bravi curzolani hanno aperto nel centro storico della cittadina, nientemeno che un museo dedicato alla vita e ai viaggi del loro illustre “concittadino”.

Il foglio informa pure sull’apertura di un monumento ai Martiri delle Foibe nell’omonima piazza di Pagnacco (Udine), voluto dall’esule Sara Harzarich Pesle, ed eretto grazie a donazioni e al contributo del comune friulano.

Rattrista invece la notizia dell’atto vandalico compiuto a Ferragosto da ignoti, i quali hanno imbrattato con una stella rossa e alcune scritte la stele che dal 1987 ricorda i Martiri della foiba di Monrupino e Basovizza. Si riporta ancora che nella notte tra il 19 e 20 agosto è stata asportata la lampada votiva dal Sacrario della Foiba di Basovizza, di cui la Lega Nazionale e il Comitato per i Martiri delle Foibe hanno fatto denuncia ai Carabinieri e alle autorità comunali.

Il reportage di Paolo Radivo fa il resoconto del grande successo pubblico delle cerimonie polesi legate alle Vittime di Vergarolla, alle quali sarà dedicato il parco attiguo al Duomo di Pola.

Sotto “I versi ‘rimasti’” Danilo Colombo continua la recensione della letteratura della CNI raccolta nei poderosi due volumi “Le parole rimaste – Storia della letteratura Italiana dell’Istria e del Quarnero nella seconda metà del Novecento”, con riferimenti particolari ad Eros Sequi, Lucifero Martini, Turconi e Schiavato.

Da segnalare la rubrica “Libri e DVD”, che presenta “Lo sviluppo della coscienza nazionale della Venezia Giulia” (“Civiltà del Risorgimento”), la monografia “Istria nel tempo” del CRS di Rovigno.

Ed ancora una girandola di amenità, di ricordi, di testimonianze di gioventù e di letture storiche sulle terre fiabesche dell’Istria che non ci sono più, a cura di Mario Schiavato, Giorgio Tessarolo e Giulio Ruzzier.
Patrizia Venucci Merdžo
  • Notizie Importanti

     

    5 x 1000  90068810325

     

    ARCHIVIO STORICO ARENA DI POLA

    TUTTI GLI ARTICOLI
    DAL 1948 AL 2009

    www.arenadipola.com

      RECAPITI 
    "Associazione Italiani di Pola e Istria-Libero Comune di Pola in Esilio" AIPI-LCPE

    - informatico:
    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

    cellulare +39 388 8580593.

    - postale:
    c/o Tipografia Art Group S.r.l.
    via Malaspina 1
    34147 TRIESTE

    ***
    Quota associativa annuale, che dà diritto a ricevere L'ARENA DI POLA, euro 35,00 a mezzo bonifico bancario intestato a:
    Associazione Italiani di Pola e Istria-Libero Comune di Pola in Esilio (AIPI-LCPE)
    IBAN dell’UniCredit Agenzia Milano P.zle Loreto
    IT 51 I 02008 01622000010056393
    BIC UNCRITM1222.

    oppure 

    C/C/P 38407722 intestato a "il Periodico L'Arena di Pola"

     ***

    Siamo anche su Facebook. Associazione Italiani di Pola e Istria - Libero Comune di Pola in Esilio
    Diventiamo amici.

    ***

    Dalle elezioni dell' 11 giugno 2017

     Sindaco/Presidente:
    Tito Sidari
    Vice: Maria Rita Cosliani
    Direttore dell'Arena di Pola: Viviana Facchinetti

     (l'organigramma completo nella sezione
    Chi siamo")