AZIONE CONTRO NEGAZIONISTI E GIUSTIFICAZIONISTI

Si rispetti la Legge

Il Libero Comune di Pola in Esilio fa appello a Istituzioni e Organi di informazione affinché il Giorno del Ricordo non diventi una tribuna per negazionisti e giustificazionisti della tragedia giuliano-dalmata.

In base alla Legge n° 92 del 2004, il Giorno del Ricordo delle Vittime delle foibe, dell’esodo degli Istriani, Fiumani e Dalmati e della più complessa vicenda della frontiera orientale verrà celebrato ufficialmente il 10 febbraio, ed in altre date vicine, con cerimonie istituzionali ed eventi culturali commemorativi.

In dette circostanze verranno ricordati i soprusi, le uccisioni ed il distacco dalle proprie case e dai propri affetti dovuti subire dalle nostre genti durante e dopo la fine della seconda guerra mondiale e che per circa 60 anni, per cosiddette ragioni di opportunità politica, sono stati tenuti celati all’opinione pubblica nazionale ed internazionale. Riteniamo, pertanto, assolutamente fuori luogo – perché in vilipendio della Legge istitutiva del Giorno del Ricordo ed offensivo nei confronti di chi così tanto ebbe a soffrire – che ad altri, nelle medesime circostanze, sia dato spazio per mettere in discussione ciò che una Legge dello Stato ha ufficialmente riconosciuto.

Vi invitiamo perciò ad evitare, nell’esercizio delle Vostre funzioni pubbliche, nella organizzazione di eventi e nella diffusione di informazioni, di coinvolgere chi possa voler contrastare le celebrazioni con l’esposizione di tesi negazioniste e/o giustificazioniste oppure con ricostruzioni storiche artificiose come già, purtroppo, avvenuto ripetutamente negli anni scorsi. Ciò, anche in considerazione del fatto che a costoro, in altri momenti dell’anno, non mancheranno occasioni per dibattiti e confronti storici in cui sostenere le loro tesi.

Confidando nell’accoglimento della nostra istanza, inviamo distinti saluti.

Il Consiglio Comunale
del Libero Comune di Pola in Esilio

                      

  •                   Logo AIPI LCPE

    Notizie Importanti

    ANTICO STATUTO COMUNE DI POLA  Click QUI

    Legenda contenuti ANTICO STATUTO DI POLA Click QUI

     

    RASSEGNA DI FOTO E FILMATI    Click QUI

     

    per devolvere il 5%o a AIPI-LCPE   Codice Fiscale 90068810325

     

    ARCHIVIO STORICO DE L' ARENA DI POLA

    TUTTI GLI ARTICOLI Click QUI
    DAL 1948 AL 2009 

    vai su: www.arenadipola.com

     INFORMAZIONI E RECAPITI 
    "ASSOCIAZIONE ITALINI DI POLA E ISTRIA_LIBERO COMUNE DI POLA IN ESILIO"  Acronimo AIPI-LCPE
    mail per informazioni e cellulare:
    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.                +39 388 8580593.

    recapito postale:
    c/o Tipografia Art Group S.r.l.
    via Malaspina 1
    34147 TRIESTE

    ***
    Costo Quota Associativa annuale, con invio del periodico L'ARENA DI POLA, euro 35,00 a mezzo bonifico bancario intestato a:
    Associazione Italiani di Pola e Istria-Libero Comune di Pola in Esilio (AIPI-LCPE)
    IBAN dell’UniCredit Agenzia Milano P.zle Loreto
    IT 51 I 02008 01622000010056393
    BIC UNCRITM1222.

    oppure 

    C/C/P 38407722 intestato a                "il Periodico L'Arena di Pola"

     ***

    Siamo anche su Facebook. Associazione Italiani di Pola e Istria - Libero Comune di Pola in Esilio
    Diventiamo amici.

    ***

    ELEZIONI dell' 11 giugno 2017

    Sindaco/Presidente:
    Tito Sidari
    Vice: Maria Rita Cosliani
    Direttore dell'Arena di Pola: Viviana Facchinetti

     (l'organigramma completo nella sezione
    Chi siamo")