Notizie al di qua e al di là del confine

Notizie al di qua e al di là del confine del mese di gennaio 2013
di Paolo Radivo


Fondi europei per i forti di Pola
L’Unione Europea finanzierà con 317.000 euro alcuni piccoli interventi per consentire un migliore accesso alle fortificazioni asburgiche di Punta Cristo, Monte Grosso, Valmaggiore, Munide e Zonchi, nell’ottica di una loro fruizione turistica. Grazie a tali fondi l’amministrazione cittadina di Pola riqualificherà le zone circostanti, rendendo raggiungibili le strutture mediante sentieri e piste ciclabili lungo i quali posizionerà pannelli informativi e punti di ristoro. Le opere previste rientrano nel più generale progetto “Adrifort - Fortezze e aree militari adriatiche”, di cui è capofila la Regione Veneto e cui partecipano la Città di Pola, l’Università “Juraj Dobrila” di Pola, la Regione Puglia, i Comuni di Venezia, Ravenna, Pirano (Slovenia), Cattaro (Montenegro) e Corfù (Grecia), l’Università Ca’ Foscari di Venezia e la Camera di Commercio di Tirana (Albania). Il progetto, approvato dall’UE e finanziato tramite il Programma di Cooperazione Transfrontaliera IPA-Adriatico 2007-2013, si prefigge di «migliorare le capacità istituzionali per la gestione del patrimonio culturale rappresentato dal Sistema Adriatico delle Fortezze».
A Pola ci si concentrerà intanto sulla risistemazione a scopi turistici delle aree adiacenti i cinque forti, costruiti tra la metà e la fine dell’800 e facenti parte del sistema difensivo cittadino. Ma per il futuro si prevedono anche progetti di restauro e recupero dei manufatti stessi.

Dalla Serbia al Montenegro col treno di Tito
Il tragitto sul “Treno blu” del maresciallo Tito da Belgrado a Podgorica sarà il pezzo forte di un pacchetto di sei giorni che l’agenzia londinese “Explore Montenegro” propone per dodici volte fra aprile e ottobre 2013. Il primo giorno è previsto l’arrivo in aereo da Londra nella capitale serba con giro della città. Il secondo giorno il treno percorrerà il tratto Belgrado-Podgorica in circa dieci ore. Quindi i passeggeri saranno trasferiti a Cattaro, dove sosteranno il terzo, quarto e quinto giorno. Il sesto ripartiranno in aereo da Teodo (Tivat) per Londra. Costo tutto compreso: 899 sterline, ovvero 1.100 euro circa.
Il sito internet dell’agenzia spiega in inglese che «durante il suo governo dell’ex Jugoslavia Tito intrattenne i più influenti uomini di stato a bordo del suo amato Treno Blu, da Yasser Arafat alla Regina Elisabetta fino al primo ministro indiano, Jawaharlal Nehru». E precisa: «Il Treno Blu è completo dei suoi appartamenti privati, dei bagni perfettamente equipaggiati e di una sala conferenze, i quali furono costruiti per Tito poco dopo la Seconda Guerra Mondiale e mantenuti amorevolmente fino ad oggi da un entusiastico gruppo di ingegneri delle Ferrovie Serbe».
Per l’esattezza, il “Treno Blu”, così chiamato per il suo colore prevalente, risale al 1959. Da allora Tito lo utilizzò spesso sia in patria sia all’estero e nel maggio 1980 vi fece, da morto, un trionfale viaggio da Lubiana a Belgrado. Poi il treno cadde in disuso, venendo affittato ogni tanto dalle Ferrovie Serbe per brevi viaggi turistici nelle vicinanze della capitale. Ritenendo tale “treno storico” particolarmente allettante per i turisti britannici, l’agenzia “Explore Montenegro” ha pensato bene di chiederne l’utilizzo. Sul sito si possono ammirare le foto dei lussuosi interni in mogano e tappeti, ma quella in evidenza ritrae la regina Elisabetta col principe Filippo mentre, scesi dal treno, stringono le mani della delegazioni jugoslava d’accoglienza avvicinandosi al presidente Tito. Ne consegue che per gli odierni sudditi di Sua Maestà tale viaggio è politicamente corretto ed anzi quasi patriottico. Non una parola invece sul fatto che Tito fu per 35 anni un dittatore comunista e che sotto il suo regime furono commessi efferati crimini. Come insegnano gli anglosassoni, gli affari sono affari. Del resto, i governi britannici furono i primi a foraggiare il maresciallo durante la Seconda guerra mondiale e dopo il 1948 continuarono a sostenerlo e lodarlo in chiave anti-sovietica.


Eletto il sindaco dei ragazzi di Pola
Gli alunni delle classi IV, V, VI e VII delle scuole elementari di Pola hanno eletto il Consiglio cittadino dei ragazzi, composto da una trentina di loro rappresentanti, con il compito di avanzare suggerimenti sulle tematiche giovanili, l’ambiente, lo sport, il tempo libero, i giochi e la pubblica istruzione. Il nuovo organismo partecipativo rientra nel progetto “Pola Città amica dei bambini”. La prima seduta si è svolta il 20 novembre e ha portato all’elezione di Marino Tomašić e Marina Jurić rispettivamente come sindaco e vice-sindaco dei ragazzi di Pola. Al termine i neo-consiglieri si sono incontrati con il sindaco “degli adulti” Boris Miletić, la vice-sindaco Vera Radolović, il presidente del Consiglio municipale Denis Martinčić e l’assessore Erik Lukšić, i quali hanno garantito piena disponibilità e spirito collaborativo.


Slovenia: bilinguismo da rispettare
La Commissione per le Nazionalità del Parlamento sloveno, riunitasi il 15 dicembre, ha esortato il Governo a far tradurre e pubblicare sui siti internet tutti i moduli amministrativi delle aree bilingui dell’Istria e del Prekmurje, per evitare che i cittadini di madrelingua italiana o ungherese siano costretti ad avanzare apposita richiesta che la comunicazione con gli organi della pubblica amministrazione avvenga nel loro idioma. La Commissione ha inoltre chiesto al Governo di provvedere nelle due aree bilingui alla formazione del personale amministrativo, in modo che sappia esprimersi anche nella lingua delle due minoranze autoctone. Rimane irrisolto il problema dei notai, molti dei quali utilizzano l’italiano o ungherese solo con l’aiuto di un interprete. La Commissione ha altresì spedito una lettera alla Radiotelevisione di Slovenia per invitarla a mantenere invariati i programmi italiani e ungheresi malgrado la riduzione del canone prevista nel 2013.

 

A Pola restauri per 510 facciate
L’amministrazione cittadina di Pola ha accuratamente catalogato 510 edifici sia pubblici che privati da restaurare nei prossimi anni: non solo ville di epoca austriaca, ma anche caseggiati del centro di varia epoca. La caratteristica comune è il degrado delle facciate e dei serramenti. Si cercherà di reperire i 21 milioni di euro necessari tramite fondi europei, statali, cittadini e privati. Intanto l’Ufficio per il Patrimonio storico-architettonico dell’Assessorato alla Pianificazione ambientale ha elaborato per ognuna di queste strutture una dettagliata carta d’identità comprendente ubicazione, proprietà, epoca di costruzione, descrizione, peculiarità stilistiche, qualità architettoniche, superficie delle facciate, descrizione degli interventi da fare e valutazione preventiva dei relativi costi. Il lugubre e disastrato aspetto di troppe case dipende dall’assenza di manutenzione dopo la Seconda guerra mondiale. Per decenni il tema è stato ignorato perché l’economia di Pola si incentrava su industria, porto e Marina militare. Quando però è stata riscoperta la vocazione turistica e terziaria, si è ricominciato anche a capire l’importanza funzionale dell’estetica per lo sviluppo di tali settori. Da ciò il programma “Dolcevita”, con cui la Città ha promosso il restauro di qualche stabile decadente con il concorso dei condomini. Ma la carenza di fondi sia municipali che privati non ha permesso di fare molto a tale riguardo. Il Ministero dell’Edilizia poi ha incluso per il 2012-13 solo due edifici polesi nel piano nazionale di recupero. Ecco dunque il perché del progetto “Mille facciate”. In realtà per ora sono 510, ma è solo l’inizio.


Esuli: uno spreco i fondi della Lombardia?
Nell’articolo Il regalone del Pirellone, pubblicato il 17 dicembre sul sito de “L’Espresso”, Michele Sasso ha preso di mira tra le spese ingiustificate della Regione Lombardia anche gli stanziamenti della legge regionale 2/2008 «per l’affermazione dei valori del ricordo del martirio e dell’esodo giuliano-dalmata-istriano». «Cosa c’entrano – si è chiesto – le “vicende delle popolazioni giuliano-dalmata-istriano” con il Pirellone che sta quattrocento chilometri più a Ovest di Trieste? Apparentemente nulla, ma ogni anno la Regione Lombardia stacca un assegno da 100 mila euro per acquisti di beni e servizi legati alla memoria degli esuli istriani». E ha concluso: «Certo, il Lazio è lontano, ma il Friuli Venezia Giulia e l’Istria sono più vicini a Milano di quanto si possa immaginare».
«È semplicemente vergognoso – ha scritto il presidente dell’ANVGD Antonio Ballarin al direttore dell’“Espresso” – che una persona dal livello culturale decisamente elevato, come è un giornalista della sua prestigiosa testata, non comprenda il concetto stesso di Memoria e come per di più la usi, travisandola, in maniera strumentale a fini che nulla hanno a che fare con la storia della nostra Nazione, confondendo malignamente rimborsi con fondi per borse di studio ed attività culturale con attività politica». Ballarin ha rilevato che all’art. 3 la legge si prefigge «di promuovere tra le giovani generazioni la diffusione del sentimento di appartenenza alla Patria e la valorizzazione dei principi di libertà, democrazia ed unità nazionale sanciti dalla Costituzione, favorendo una maggiore conoscenza delle radici storiche e culturali della Repubblica». La normativa stabilisce finanziamenti per: a) pubblicazione di studi, ricerche e saggi, raccolte di materiali e testimonianze sul martirio e l’esodo dei giuliano-dalmati e il loro insediamento in Lombardia; b) iniziative volte a diffondere fra i giovani, nella scuola e nei luoghi di lavoro, la conoscenza di quella tragedia; c) allestimenti di mostre e organizzazioni di convegni di studio e di pellegrinaggi nei luoghi della memoria, sia nelle terre rimaste sotto la sovranità italiana sia, in quanto possibile, nelle terre sotto sovranità slovena e croata; d) concorsi mediante premi e contributi a tesi di laurea, opere letterarie, cinematografiche e teatrali; e) manifestazioni celebrative sia nel territorio lombardo sia nelle località giuliane e dalmate teatro di episodi significativi della tragedia giuliano-dalmata-istriana, con il coinvolgimento di associazioni, circoli e comitati giuliano-dalmati presenti sul territorio lombardo. L’art. 3 prevede poi un concorso annuale riservato agli studenti delle scuole secondarie lombarde di primo e secondo grado sul tema Il sacrificio degli Italiani della Venezia Giulia e della Dalmazia: mantenere la memoria, rispettare la verità, impegnarsi per garantire i diritti dei popoli.


CI di Pola: Fabrizio Radin presidente
La Comunità degli Italiani di Pola ha rinnovato i suoi organi interni. Le elezioni per l’Assemblea si sono svolte domenica 16 dicembre 2012. Su 5.254 aventi diritto, si sono recati all’urna 950 soci, dunque il 18,1%, quando invece alle elezioni del dicembre 2008 erano stati appena 589 su 5.004 aventi diritto, ovvero l’11,8% (+6,3%). In assoluto i votanti sono cresciuti di 361 unità (+61,3%): un segnale incoraggiante. In lizza c’erano tuttavia solo 22 candidati per 21 seggi disponibili. Si fronteggiavano infatti da un lato la lista “Comunità 2012”, capitanata dal presidente uscente della CI e della Giunta Fabrizio Radin, dall’altro l’indipendente Valmer Cusma, giornalista di Radio Pola. Questo l’esito della consultazione: Fabrizio Radin 599 preferenze, Valmer Cusma 590, Tamara Brussich 588, Samanta Stell 583, Ervino Quarantotto 563, Kristina Fedel 544, Ardemio Zimolo 536, Argeo Zimolo 518, Gianni Rosanda 513, Debora Radolović 499, Davide Giugno 496, Susanna Svitich 479, Liana Diković Fortunato 476, Giovanni Kumar 475, Patrizia Bosich 474, Sandra Kalagac 457, Fiorella Lasić 439, Elena Vian 430, Vanessa Bratolich-Šljukić 418, Mauro Sirotić 409, Sandra Brakus Brženda 382, Marko Voštan 355. Sono risultati eletti tutti salvo quest’ultimo. I consiglieri uscenti riconfermati sono dodici: Radin, Cusma, Brussich, Quarantotto, Fedel, i gemelli Zimolo, Radolović, Giugno, Bosich, Kalagac e Lasić. Ottimo il risultato sia di Radin, quattro anni prima arrivato 11°, sia dello sfidante Cusma.
La nuova Assemblea si è riunita in seduta costitutiva il 15 gennaio. Introducendo i lavori, la presidente uscente Claudia Millotti, non ricandidatasi, ha ringraziato tutti della collaborazione e manifestato la disponibilità a sostenere le future iniziative e attività comunitarie. I neo-consiglieri hanno eletto quale nuovo presidente dell’Assemblea Tamara Brussich, che aveva già rivestito tale incarico due consigliature fa. La Brussich ha proposto come vicepresidenti Gianni Rosanda e Valmer Cusma. Quest’ultimo però, pur ringraziando, ha declinato l’offerta. In sua vece è stata eletta Patrizia Bosich.
Con 13 voti su 14, Fabrizio Radin è stato poi riconfermato presidente sia della CI che della Giunta esecutiva, di cui ora dovrà nominare i componenti. Quali nuovi membri del Comitato dei garanti sono stati infine eletti Claudia Millotti (presidente), Sabina Ambruš e Sergio Stupar.
“L’Arena di Pola” e il Libero Comune di Pola in Esilio rivolgono ai nuovi dirigenti della CI i più sinceri auguri di buon lavoro e l’auspicio di un’intensa e proficua collaborazione.

 

Gravi minacce a Giacomo Scotti
«La mia vita è in pericolo: il sito internet dell’estrema destra neoustascia croata www.hkv.hr ha diffuso il 24 dicembre un articolo del periodico zagabrese “Hrvatsko Slovo” (Verbum Croaticum) nel quale vengo seppellito sotto una valanga di odio e mi si minaccia di “eliminazione”». A denunciarlo pubblicamente è Giacomo Scotti, giornalista e scrittore nato a Napoli nel 1928 ma trasferitosi in Jugoslavia nel 1947 per i suoi sentimenti comunisti e da decenni residente a Fiume. «Finalmente – ha scritto Joško Celan, autore del roboante articolo – gli ultimi generali croati accusati di crimini nella Krajina sono stati liberati e sono tornati a casa. Ora devono pagare coloro i quali li hanno accusati, è giunta l’ora di punire i nemici della Croazia». Tra questi viene segnalato Giacomo Scotti in quanto «traditore dei croati» e «bastardo italo-serbo». La sua colpa sarebbe quella di aver illustrato nel 1996 con il suo libro Croazia - Operazione Tempesta il genocidio compiuto l’anno precedente dall’esercito croato ai danni dei serbi delle Krajine, citando fra i responsabili anche i generali Ante Gotovina e Mladen Markač, assolti il 16 novembre 2012 dal Tribunale penale internazionale per l’ex Jugoslavia. Scotti era stato aggredito nel 1997 da alcuni energumeni in divisa paramilitare dopo la pubblicazione di due articoli infuocati contro di lui a firma dello stesso Celan.


Veneto: interventi per Istria e Dalmazia
Lo scorso 28 dicembre il Consiglio regionale del Veneto ha approvato il programma 2012 degli interventi previsti dalla legge 15/94 «per il recupero, la conservazione, la valorizzazione del patrimonio culturale di origine veneta nell’Istria e nella Dalmazia». Complessivamente si tratta di 450mila euro (contro i 520mila del 2011) suddivisi in due settori: 250mila per restauri di edifici e opere d’arte, 200mila per iniziative culturali, perlopiù editoriali, sulla storia istriano-dalmata.
Questi gli interventi nel primo settore: 24.000 euro per il restauro di cinque leoni di San Marco conservati al museo di Zara; 18.000 euro per il restauro degli affreschi di casa Tartini a Pirano; 60.000 euro per il restauro di palazzo Portarol a Dignano; 48.000 euro per il restauro della casa Maraston a Visinada; 23.750 euro per il restauro dei dettagli scultorei e degli stemmi del palazzo comunale di Pola; 30.000 euro per il recupero della torre di San Martino a Buie; 20.000 euro per la ristrutturazione della casa degli affreschi a Cerreto; 26.250 euro per il restauro del crocifisso ligneo della parrocchiale di Sant’Eufemia a Gallignana. La Città di Pola ha già avanzato alla Regione Veneto la richiesta di co-finanziamento all’85% per la seconda fase del restauro dell’antico municipio, da realizzare in collaborazione con la Comunità degli Italiani e la Scuola media superiore di design e arti applicate.
Questi invece gli interventi nel secondo settore: 12.500 euro per pubblicare Il golfo adriatico. Storia, diritto, economia e arte nella dominazione veneziana, a cura del Limes Club di Verona; 2.000 euro per il volume Le confraternite istriane, curato dalla Società di Studi Storici e Geografici di Pirano; 15.000 euro all’Università Ca’ Foscari di Venezia per pubblicare i risultati delle ricerche archeologiche sottomarine sul relitto di una nave veneziana rinvenuto presso l’isola di Meleda; 16.000 euro alla Società Dalmata di Storia Patria per pubblicare le relazioni dei rettori dello “Stato da mar”; 19.000 euro all’Istituto Veneto di Scienze, Lettere e Arti per lo studio Tra Venezia e Zara: fonti per un complesso rapporto decisivo per gli equilibri adriatici; 11.000 euro per corsi di lingua italiana e cultura storico-letteraria veneta a Veglia, Zara, Spalato, Lesina, Ragusa e Cattaro a cura della Fondazione Rustia Traine di Trieste; 7.500 euro per corsi di lingua italiana a Cattaro; 6.000 euro per la pubblicazione Cultura e storia delle perle veneziane a cura dell’Associazione Veneziani nel Mondo; 32.000 euro al futuro asilo italiano “Pinocchio” di Zara; 3.000 euro alla Società Dante Alighieri di Zara; 16.000 euro alla Scuola materna italiana di Cittanova; 4.000 euro alla CI di Momiano per una monografia sulla storia del paese; 3.000 euro per il Festival Istroveneto di Buie; 11.000 euro alla Fondazione Rustia Traine per una guida sulla presenza veneziana nella Dalmazia montenegrina; 10.000 euro per un dvd sul patrimonio culturale di origine veneta in Istria e Dalmazia curato dall’associazione Cielo, Terra, Mare di Pordenone; 4.500 euro alla Ca’ Foscari per un volume sugli scavi archeologici presso il palazzo dei Dogi di Antivari; 21.500 euro alla Regione Istriana per una monografia sul patrimonio artistico delle chiese istriane; 6.000 euro al Comune di Tezze sul Brenta per il gemellaggio con un Comune dell’Istria croata.


Seminario nazionale rinviato a marzo
Si terrà da giovedì 14 a sabato 16 marzo invece che dal 21 al 23 febbraio il Seminario nazionale per insegnanti e dirigenti delle scuole elementari, medie e superiori dal titolo La storia del confine orientale nell’insegnamento scolastico: attualità e prospettive future, organizzato dal Tavolo di lavoro tra Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca e Associazioni degli esuli. Il rinvio dipende da ragioni organizzative legate alla concomitanza delle elezioni politiche. Per ora il programma rimane invariato, ma potrebbe subire qualche modifica.


1° Incontro Mondiale dei Fiumani a Fiume
Si terrà a Fiume dal 14 al 16 giugno 2013 il primo Incontro Mondiale dei Fiumani. Promosso congiuntamente dal Libero Comune di Fiume in Esilio, dalla Comunità degli Italiani e dalla Società di Studi Fiumani, coinciderà con i tradizionali festeggiamenti per il santo patrono e con il 90° dall’inaugurazione della parrocchia di Cosala. Nel ricco programma, con appuntamenti di carattere culturale, storico e scientifico, saranno coinvolte la Scuola superiore italiana e varie altre realtà fiumane. Come spiega “La Voce di Fiume”, l’Incontro «intende essere una festa, con tante iniziative finalizzate alla migliore conoscenza della storia della città ma anche alla costruzione di legami importanti per il progresso di iniziative sempre più pregnanti e condivise»: «non si tratta di riscrivere la storia che è già stata ma di inaugurarne una nuova pagina con il contributo di tutte le persone di buona volontà che vorranno farlo». Il Raduno annuale degli Esuli fiumani avrà invece luogo nuovamente a Montegrotto Terme.


Sempre meno italiani in Croazia
Gli italiani in Croazia, già scesi dai 21.303 del 1991, sono ulteriormente calati dai 19.636 del 2001 ai 17.807 del 2011: -1.829 unità, ovvero -9,31% in termini assoluti. Lo dicono gli sconfortanti risultati del censimento dell’aprile 2011 diffusi il 17 dicembre scorso (vedi il sito www.dzs.hr). Considerando il calo complessivo della popolazione in 10 anni (da 4.437.460 a 4.284.889 residenti), gli italiani scendono dallo 0,44% allo 0,42% (-0,02%), restando il quarto gruppo nazionale dopo croati (90,42%), serbi (4,36%) e bosgnacchi (0,73%). Mentre però croati e bosgnacchi crescono percentualmente, italiani, serbi e quasi tutte le altre minoranze diminuiscono.
Paradossalmente gli italiani sono calati dov’erano più numerosi, ma sono aumentati o rimasti stabili dove invece erano più scarsi. Così nella Regione a maggiore presenza, quella Istriana, si sono ridotti da 14.284 (6,92%) a 12.543 (6,03%): -1.741 unità, -0,89% in termini relativi e -8,78% in termini assoluti. L’aumento degli abitanti complessivi (da 208.055 a 206.344) ne ha accentuato il calo percentuale. La grande novità dell’ultimo censimento è la quasi triplicazione di quanti si sono dichiarati “istriani”, preferendo l’appartenenza territoriale a quella nazionale: da 8.865 (4,30%) a 25.203 (12,11%), ovvero -16.338 unità e +7,81% relativo. Peraltro nel 1991 gli “istriani” erano ben 37.027 (18,10%); dunque il senso dell’identità regionale è riemerso con forza, dopo gli anni dell’ubriacatura nazionalista tuđmaniana, specie fra le persone bilingui che hanno frequentato scuole croate ma sentono la specificità locale: è in buona parte su costoro che si fonda il consenso della Dieta Democratica Istriana. Con l’impennata degli istriani però gli italiani sono ridiscesi dal secondo al terzo posto nella graduatoria regionale. Anche i croati comunque sono diminuiti: da 148.328 (71,88%) a 142.173 (68,33%), ossia -6.155 unità, -3,55% relativo e -9,58% assoluto. Al quarto posto troviamo i serbi, saliti da 6.613 (3,20%) a 7.206 (3,46%); al quinto i bosgnacchi, raddoppiati da 3.077 (1,49%) a 6.146 (2,95%); al sesto gli albanesi, cresciuti da 2.032 (0,98%) a 2.393 (1,15%); al settimo gli sloveni, calati da 2.020 (0,98%) a 1.793 (0,86%).
A Pola, su una popolazione totale calata di 1.134 abitanti (da 58.594 a 57.460, -1,93%), gli italiani si sono ridotti da 2.824 (4,82%) a 2.545 (4,43%): -274, ossia -0,39% e -9,70%. Quarti in classifica, costituiscono appena la metà dei soci della Comunità degli Italiani (5.126). I croati sono scesi da 41.984 (71,65%) a 40.302 (70,14%), ovvero -1.682, -1,51% e -4,00%. Gli istriani sono invece schizzati da 1.100 (1,88%) a 4.152 (7,23%): +3.052, +5,35% e +277,45%. Terzi sono i serbi, saliti da 3.415 (5,83%) a 3.454 (6,01%). Quinti i bosgnacchi, più che raddoppiati da 980 (1,67%) a 2.011 (3,50%).
Pola rimane la città con più connazionali, continuando a sopravanzare di poco Fiume, dove questi si sono contratti da 2.763 a 2.445 unità (-318, -0.02% in termini relativi e -11,50% in termini assoluti). Terza è Umago (1.962), quarta Rovigno (1.608), quinta Buie (1.261) e sesta Dignano (1.071).
La flessione è generalizzata in quasi tutta l’Istria: a Grisignana dal 51,21% al 39,40%, a Verteneglio dal 37,37% al 30,14%, a Buie dal 29,72% al 24,33%, a Valle dal 27,70% al 23,07%, a Dignano dal 20,05% al 16,62%, a Umago dal 18,33% al 14,57%, a Portole dal 18,76% al 14,35%, a Rovigno dall’11,44% al 11,25%, a Cittanova dal 12,77% al 10,20%, a Montona dal 9,87% al 9,76%, a Visinada dal 10,20% al 7,60%, a Visignano dal 9,10% al 6,82%, a Castellier-S.Domenica dal 7,35% al 4,78%, a Fasana dal 5,05% al 4,76%, a Lisignano dal 6,08% al 4,24%, a Parenzo dal 4,23% al 3,23%, a Orsera dal 3,33% al 2,73%, ad Albona dal 2,95% al 2,36%, ad Arsia dal 2,12% all’1,32%, a Pisino dall’1,24% all’1,16%, a Marzana dall’1,02% allo 0,89%, a Pinguente dallo 0,81% allo 0,68%, a Gimino dallo 0,84% allo 0,60%. In termini assoluti l’erosione maggiore si è avuta ad Arsia (-44,00%), Portole (-33,69%), Castellier-S.Domenica (-28,57%), Grisignana (-27,86%) e Gimino (-27,58%). Il tracollo di Parenzo (-26,82%) è dovuto allo scorporo nel 2006 del Comune di Torre-Abrega, che conta il 9,80% di italiani. Nel nuovo Comune di Fontane gli italiani sono invece l’1,76%. Grisignana, unico municipio in Croazia che avesse una maggioranza assoluta italiana, ha conservato quella relativa.
Gli italiani però crescono in certi piccoli Comuni sprovvisti sia di bilinguismo sia di scuole italiane: a Medolino dal 3,23% al 3,60%, a San Lorenzo del Pasenatico dall’1,99% al 2,27%, a Canfanaro dall’1,65% al 2,01%, a Sanvincenti dall’1,08% all’1,82%, a Caroiba dall’1,28% all’1,39%, ad Antignana dallo 0,79% all’1,07%, a Barbana dallo 0,36% allo 0,70% e a Lanischie dallo 0% allo 0,61%. I croati raggiungono il 92,40% a Lanischie, l’86,20% a San Pietro in Selve e l’82,27% a Caroiba, ma detengono solo la maggioranza relativa a Verteneglio (44,83%) e Buie (48,73%). Campionesse d’“istrianità” sono S.Domenica d’Albona (33,04%), Sanvincenti (28,70%), Gimino (27,91%), San Lorenzo (27,59%) e Visinada (23,32%).
Seconda Regione per presenza di italiani rimane il Quarnero, dove il calo è stato di 110 unità: da 3.539 a 3.429 (-3,10% assoluto), equivalenti sempre all’1,16% relativo visto il declino demografico. Una diminuzione sia numerica che percentuale di italiani si è registrata a Cherso (dal 4,02% al 3,27%) e a Fiume (dall’1,92% all’1,90%), mentre a Veglia lo slittamento dallo 0,38% allo 0,33% è dipeso solo dalla crescita globale della popolazione. Gli italiani però sono aumentati in parecchie altre Città o Comuni, tra cui: Lussinpiccolo dall’1,73% all’1,87%, Laurana dall’1,50% all’1,66%, Abbazia dall’1,13% all’1,45%, Draga di Moschiena dallo 0,85% all’1,43%, Castua dallo 0,57% al 0,95%, Mattuglie dallo 0,65% allo 0,85%, Costrena dallo 0,72% allo 0,77%, Clana dallo 0,21% allo 0,35%, Bescanuova dallo 0,16% allo 0,30%, Dobrigno dallo 0,15% allo 0,24%, Castelmuschio dallo 0,20% allo 0,23%, Arbe dallo 0,06% allo 0,19%, Verbenico dallo 0% allo 0,08%. In alcuni di questi casi la crescita è attribuibile soprattutto al trasferimento di connazionali fiumani in aree limitrofe. Sebbene quintuplicati, rimangono pochi i “quarnerini”: da 150 (0,05%) a 784 (0,26%).
Nella Regione di Požega-Slavonia (terza per presenza italiana) il calo è stato da 788 a 592 unità (dallo 0,92% allo 0,76%). Più italiani ci sono invece nella Città-Regione di Zagabria (quarta in classifica) e nelle Regioni di Sisak-Moslavina (quinta), Krapinsko-Goranska, di Slavonski Brod - Posavina, del Međimurje e di Zagabria-campagna.
Gli italiani sono cresciuti anche in tre delle quattro Regioni dalmate: in quella di Spalato da 114 (0,02%) a 134 (0,03%), in quella di Zara da 109 a 123 (sempre 0,07%), e in quella di Sebenico da 30 (0,03%) a 42 (0,04%). Leggerissimo il calo nella Regione di Ragusa: da 51 a 50 (ancora 0,04%). I nuclei principali restano nelle città di Zara (da 89 a 90) e Spalato (da 72 a 83). A Traù i connazionali sono saliti da 4 a 10, a Solta da 0 a 5, a Lagosta da 2 a 5, a Lesina da 3 a 5, a Curzola e a Vallegrande da 2 a 4, a Lissa da 0 a 2. A Pago sono scesi da 6 a 5. Se in tutta la Dalmazia gli italiani sono aumentati da 304 a 349 (+45, +14,80% in assoluto), significativa è la quadruplicazione dei “dalmati”: da 169 a 705.
I residenti in Croazia di madrelingua italiana sono invece calati da 20.591 (0,46%) a 18.573 (0,43%): -2.018 (-0,03% in termini relativi, -9,80% in termini assoluti); in Istria da 15.867 (7,69%) a 14.205 (6,83%): -1.665 (-0,86%, -10,49%); nel Quarnero da 3.723 (1,22%) a 3.373 (1,14%): -350 (-0,08%, -9,40%); a Pola da 2.856 (4,87%) a 2.490 (4,33%): -366 (-0,54%, -12,81%); a Grisignana dal 66,11% al 56,52%; a Verteneglio dal 41,29% al 39,79%; a Buie dal 39,66% al 33,25%; a Portole dal 32,11% al 28,71%; a Valle dal 22,54% al 19,43%; a Umago dal 20,70% al 18,76%; a Dignano dal 19,93% al 15,53%; a Cittanova dal 15,32% al 12,47%.
Il calo complessivo dei connazionali in Croazia dipende da diversi fattori: l’età media degli italiani (50,3 anni contro i 41,7 nell’intera Croazia); l’emigrazione soprattutto dall’Istria verso Italia (nel 2011 non sono stati censiti i residenti “non abituali”); il timore di alcuni nel dichiararsi; la meno compromettente opzione regionale; l’assimilazione (che, specie tramite i matrimoni misti, agisce su un nucleo di connazionali sempre più ristretto e meno capace di resistervi); l’immigrazione di cittadini ex jugoslavi, specie dalla Bosnia-Erzegovina.
Tali cifre allarmanti dovrebbero convincere anche gli scettici che l’unione fra esuli e residenti è necessaria per salvare, con il sostegno della nostre autorità diplomatiche, la residua italianità autoctona in Croazia e Slovenia. Le persone di buona volontà si sentano ancor più spronate ad agire affinché questa millenaria fiammella non si spenga del tutto.

Mostra su Kaschmann
Inaugurata il 19 novembre al Museo teatrale “Schmidl” di Trieste (palazzo Gopcevic), si chiuderà il 4 febbraio la mostra Giuseppe Kaschmann signore delle scene, realizzata dallo stesso museo, dalla Comunità di Lussinpiccolo e dall’Associazione delle Comunità Istriane. È suddivisa in due sezioni. La prima, allestita al piano terra presso la sala “Bazlen” a cura di Rita Cramer Giovannini, rievoca in dodici pannelli la biografia e la carriera del famoso baritono. La seconda sezione, al primo piano, espone invece i cimeli del maestro donati da Giovanna Stuparich Kaschmann nel 1989, cinque registrazioni su dischi a 78 giri realizzate ai primi del ’900, tre costumi di scena, fotografie, documenti, ritratti e riconoscimenti.
Nato a Lussinpiccolo nel 1850, Giuseppe Kaschmann studiò a Padova, Trieste e Udine. Come cantante-attore lirico debuttò a Udine nel 1868. Dal 1869 al 1875 operò a Zagabria nella compagnia del Teatro nazionale croato. Cantò al Teatro Regio di Torino (1876), al Comunale di Trieste (1877), alla Scala di Milano (1878-79) e poi in Spagna, Portogallo, Nord e Sud America, Russia, Egitto, Germania, quindi ancora in Italia. Considerato disertore dalle autorità asburgiche poiché nel 1878, trovandosi a Milano, non si era presentato alla chiamata alle armi per l’occupazione della Bosnia-Erzegovina, non poté tornare a Lussino finché nel 1909 l’imperatore Francesco Giuseppe non lo graziò su intercessione di papa Pio X. Di sentimenti irredentisti, nel 1915 compose un’ode a Trento e Trieste. Morì a Roma nel 1925.
Il 19 novembre è stata  anche presentato nella sala “Bazlen” il libro biografico di Giusy Crescione Giuseppe Kaschmann signore delle scene, edito dalla Comunità di Lussinpiccolo e dall’Associazione delle Comunità Istriane. Nella prima decade di gennaio la mostra è stata visitata da 70 tra soci e simpatizzanti della Comunità degli Italiani di Lussinpiccolo, recatisi in precedenza alla mostra sui cantieri di Lussinpiccolo. Esuli e rimasti hanno brindato assieme al 2013, mentre il coro “Craglietto” ha cantato l’Inno a Lussino.


I cantieri di Lussinpiccolo
È stata inaugurata il 13 dicembre e resterà aperta fino al 17 febbraio dalle 9 alle 13.30 (lunedì escluso) presso il Civico Museo del Mare in via di Campo Marzio 5 a Trieste la mostra I cantieri di Lussinpiccolo, che era stata visitabile in anteprima dalla fine di novembre presso lo Yacht Club Adriaco. L’esposizione, curata da Rita Cramer Giovannini e organizzata dal Comune di Trieste, dalla Comunità di Lussinpiccolo e dall’Associazione delle Comunità Istriane, racconta in otto pannelli con immagini d’epoca le vicende dei cantieri lussignani dalle origini all’esodo.
Fino ai primi dell’800 l’attività cantieristica sull’isola non andava oltre la riparazione e la manutenzione. Nel 1823 Sisto Cattarinich creò il primo vero cantiere, che diede lavoro a un centinaio di persone sfornando anche tre-quattro velieri l’anno. Dal 1845 cominciarono a sorgere nuovi squeri e l’intero settore conobbe una forte crescita. Ma nel 1858 la crisi mondiale della cantieristica navale dovuta alla saturazione delle flotte commerciali ebbe gravi ripercussioni a Lussino, tanto che solo due cantieri sopravvissero. Dal 1861 vi fu una ripresa e nel 1867 due cantieri ritornarono in funzione, uno nuovo aprì i battenti e si arrivò a un totale di sei. L’apice della produzione fu raggiunto fra il 1867 e il 1869. Quest’ultimo fu anche l’anno di massimo sviluppo della flotta lussignana per un totale di 130 bastimenti. La marina libera di Lussino era seconda nell’Adriatico solo a Fiume, superando Trieste. Il secondo periodo d’oro della cantieristica locale proseguì, salvo una crisi passeggera nel 1873, fino al 1878, quando la crisi della navi a vela, incalzate da quelle a vapore, falcidiò i cantieri lasciandone in vita solo due. Così capitani, maestri d’ascia e capomastri lussignani emigrarono a Fiume, Trieste o addirittura in America. Dal 1893 il decreto del governo austriaco sulle sovvenzioni alla marina mercantile, impetrato dai lussignani, rivitalizzò il comparto locale, ma i cantieri operativi rimasero due, entrambi dedicati alla costruzioni di navi di non grande tonnellaggio. Nel 1914 lo scoppio della guerra concluse un’epoca. Fino ad allora dai cantieri dell’isola erano usciti 366 velieri e 71 imbarcazioni di altro genere (perlopiù vapori).
Dopo la guerra ai due cantieri esistenti se ne aggiunsero altrettanti, ma uno di questi chiuse negli anni ’20. Lo storico cantiere Martinolich fu ceduto nel 1940 a una società genovese. Nel 1942 una goletta varata nel 1926 proprio da quel cantiere per un committente americano, dopo aver vinto molte regate, fu acquistata dalla Guardia Costiera statunitense e impiegata per il pattugliamento costiero fino al 1944. Stessa sorte ebbe lo yacht gemello, che nel 1949, rivenduto a un privato, batté il record di regata trans-pacifica. Anche un terzo veliero del cantiere Martinolich fu in uso alla Guardia Costiera USA durante il secondo conflitto mondiale.
Nel 1946 il cantiere Piccini, ingranditosi notevolmente negli anni bellici, fu costretto a chiudere dalle autorità jugoslave, che avevano indotto il titolare all’esodo. L’ultimo a cessare le attività fu negli anni ’50 il cantiere Tarabocchia “Violincich”, il cui titolare si trasferì a Sanremo. Questi cantieri furono nazionalizzati e inglobati nel “Cantiere 3 Maggio” di Fiume. Oggi persistono come “Cantiere navale di Lussinpiccolo” dando lavoro a 120 manutentori e riparatori di navi. Tuttora tre yacht costruiti negli anni ’30 nel capoluogo isolano solcano i mari.


L’Istria tra medioevo e ’800
La Società Istriana di Archeologia e Storia Patria ha proposto nella sede di via Crispi 5 a Trieste tre Incontri d’autunno per divulgare la storia patria dalla tarda antichità all’800.
Il 4 ottobre Bruno Calligher (Università di Trieste) ha parlato dell’estesa area monetaria incentrata sulle massicce emissioni delle zecche di Aquileia (294/296-402 d.C.) e Siscia (presso Zagabria), comprendente l’Istria e volta a rifornire in primo luogo le legioni danubiano-balcaniche. Una nuova zecca operò a Tergeste (Trieste) o forse ad Emona (Lubiana) fra il 406 e il 408 a beneficio dell’area nord-adriatica. Poi tornò attiva quella aquileiese. In epoca bizantina (dal 540 circa) la zecca di Salona (Spalato) riversò grandi quantitativi di denari in tutto l’Adriatico orientale e settentrionale. I longobardi coniarono forse da Cividale esemplari d’oro e argento (segno di un’economia evoluta), che dal 640 per oltre un secolo supplirono alla carenza di quelli bizantini. Dopo una fase di rarefazione monetaria in epoca carolingia, dalla metà del X secolo si ebbe una ripresa con i follari di rame costantinopolitani.
Katharina Zanier (Università del Litorale) ha rilevato come a Capodistria i resti archeologici siano numerosi appena dal V secolo. I recenti scavi, oltre a confermare la localizzazione dell’antica Egida sul monte Sermino, hanno portato alla luce nel centro storico molte tombe medievali insieme alle fondamenta di antichi edifici. Si sono fra l’altro scoperte le tracce della chiesa paleocristiana precedente l’attuale duomo.
Paolo Cammarosano (Università di Trieste) ha evidenziato che nel Placito del Risano (804) i maggiorenti di Pola, Parenzo, Trieste, Rovigno, Albona, Montona, Pedena, Pinguente e Cittanova imputarono ai cinque vescovi istriani di non dare loro il dovuto, violare contratti e consuetudini su erbatico e ghiandatico, pretendere maggiori donativi di vino, commettere violenze e soprusi verso uomini liberi, impedire la pesca marittima e il taglio di un terzo del fieno sui terreni ecclesiastici. Accusarono poi il duca Giovanni di aver trattenuto per sé le tasse versate al governo centrale, sequestrato beni e bestiame di privati, sottratto ai municipi boschi, casere e frazioni rurali, insediato slavi pagani che a lui pagavano l’affitto e ai quali i municipi versavano le decime, impedito di esercitare cariche pubbliche, di tenere come dipendenti uomini liberi e di offrire all’imperatore le proprie regalie, ordinato nuovi servizi obbligatori e gravami in natura, e averli così ridotti in miseria. Il duca promise che mai più avrebbe violato il diritto di erbatico e ghiandatico, imposto lavori obbligatori, ordinato collette costrittive, insediato coloni slavi su terre pubbliche, obbligato a trasportare carichi per lui e imposto limiti alla pesca e alla navigazione. I vescovi furono invece assolti.
L’8 novembre Giuseppe Cuscito (presidente della SIASP) ha chiarito che, dopo la conquista franca, la Contea (dal 1040 Marca) d’Istria appartenne sia al Sacro Romano Impero che al Regno Italico. Fu Capodistria nel 932 a stringere il primo vincolo di vassallaggio con Venezia, che fra il 1145 e il 1150 domò le ribelli Pola, Capodistria, Rovigno, Parenzo, Cittanova e Umago. La disgregazione feudale del XII secolo favorì dal 1177 il sorgere dei Comuni. Nel 1193 Pola, nel 1202 Trieste e Muggia e nel 1205 Parenzo tornarono fedeli a Venezia. Nel 1209 i patriarchi di Aquileia divennero marchesi d’Istria; non cessarono però i loro conflitti con Venezia, i Comuni e i feudatari laici. Minacciate da Capodistria e dai conti di Pisino, nel 1267 Parenzo, nel 1269 Umago, nel 1270 Cittanova, nel 1271 San Lorenzo, nel 1276-78 Montona, nel 1280 Isola e nel 1283 Pirano e Rovigno si diedero in protezione e custodia a Venezia, che da allora nominò i podestà ponendo fine all’indipendenza comunale. Nel 1307 il patriarca riconobbe alla Serenissima diritti, giurisdizioni e onorificenze su quei Comuni contesi. Nel 1331, scalzata la signoria dei Castropola, anche Pola, Valle e Dignano si sottomisero a Venezia.
Egidio Ivetic (Università di Padova) ha osservato come a un’Istria veneta, marittima, urbana e comunale si affiancò a partire dal 1376 un’Istria asburgica, feudale, continentale e rurale. Nel 1420-21 Venezia acquisì gli ultimi territori del Patriarcato di Aquileia e dopo la guerra del 1508-16 alcuni feudi asburgici, che assegnò alle proprie maggiori famiglie. Popolazioni diverse per origine e lingua poterono convivere per secoli anche grazie alla loro scarsa densità demografica.
Gianfranco Hofer (Deputazione di Storia Patria per la Venezia Giulia) ha parlato di come la Riforma protestante attecchì a Trieste (con il vescovo umanista Pietro Bonomo e un notevole seguito nel patriziato), Capodistria (con il vescovo Pier Paolo Vergerio il Giovane costretto a fuggire nel 1548), Pirano (tra maestri, medici e professionisti), Pola (con il vescovo Gian Battista Vergerio e alcuni membri del Capitolo), Albona (nel 1556 il francescano albonese Baldo Lupetino venne affogato a Venezia per aver predicato eresie a Cherso e poi fatto circolare un suo scritto durante la detenzione; il teologo e storico luterano Flaccio Illirico si rifugiò in Germania), Dignano (dove aveva sede una chiesa dell’Inquisizione e dove il Tribunale condannò a morte quattro eretici), Gallesano, Sissano e Valle (dove si diffusero copie della Bibbia e di scritti protestanti), Cittanova (dove si celebrarono quattro processi per eresia), Umago (dove se ne celebrarono due) e Cosliacco (dove i feudatari Barbo diffusero testi protestanti in italiano, croato e sloveno e ospitarono eretici). L’Inquisizione romana operò solo nell’Istria veneta, non in quella asburgica, dove non si comminarono pene capitali ma solo esilii.
Il 6 dicembre Giuseppe Trebbi (Università di Trieste) ha focalizzato il crollo demografico dell’Istria fra il 1350 e il 1740, periodo in cui la popolazione non superò mai i 100.000 abitanti a causa di pestilenze, carestie e guerre e malgrado l’insediamento di coloni slavi, morlacchi, friulani e veneti. Assai colpite furono Capodistria, Parenzo, Cittanova e Pola. Una lenta ripresa cominciò dopo il 1631. Nel 1584 fu spostato da Venezia a Capodistria il tribunale d’appello competente per l’intera Istria veneta, mentre su Pinguente, Pirano e gli “habitanti novi” aveva giurisdizione il podestà di Pinguente. Illuminanti sulle condizioni della penisola sono gli scritti di Giacomo Filippo Tommasini, vescovo di Cittanova dal 1641 al 1655. Questo grande intellettuale descrisse gli istriani come religiosi con qualche superstizione di matrice slava.
Fulvio Salimbeni (Università di Udine) ha messo in luce il contributo del capodistriano Gian Rinaldo Carli alla formazione della coscienza nazionale italiana nella seconda metà del ’700, benché il passaggio dal piano culturale a quello politico avvenne solo a partire dal 1797 con Napoleone. Le Province Illiriche (1809-13) con Lubiana capitale alimentarono il movimento nazionale slavo (illirista). Il ritorno dell’intera penisola all’Austria pose termine alla divisione politica dell’Istria. Trieste, in tumultuosa ascesa, si affermò come sua capitale economica e culturale. Nel 1848 però, se Trieste si mantenne fedele agli Asburgo, molti istriani combatterono per la Repubblica di San Marco e l’unità italiana. Dagli anni ’50 Pola, divenuta porto militare dell’Austria in sostituzione della recalcitrante Venezia, crebbe grazie al notevole afflusso di immigrati. L’idea nazionale si diffuse nelle città tramite gli intellettuali laici italiani e nelle campagne mediante i sacerdoti slavi. Significativo fu il ruolo della Lega Nazionale e della SIASP da un lato, della Società Cirillo e Metodio dall’altro. Accanto alla corrente liberal-nazionale prese piede quella democratico-mazziniana e alla fine del secolo quella socialdemocratica. L’industria, la marineria e il turismo contribuirono a modernizzare e sprovincializzare soprattutto i centri costieri.
Grazia Tatò (SIASP) ha riferito che nell’Archivio di Stato di Trieste si trovano numerose fonti per la storia dell’Istria dalla metà del ’700: per l’epoca asburgica i documenti dell’Intendenza di Commercio, del Governo Marittimo, della Direzione di Polizia, delle Diocesi di Capodistria e Cittanova, dei Tribunali, nonché le splendide mappe catastali del 1818 e i depositi giudiziari. Per il primo dopoguerra vi sono le carte del Commissariato Generale Civile per la Venezia Giulia. Si possono inoltre visionare alcuni audiovisivi dell’epoca del GMA.


Guglielmo Oberdan martire della Nazione
La Lega Nazionale e l’Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano - Comitato di Trieste e Gorizia hanno ricordato giovedì 20 dicembre il 130° anniversario del sacrificio di Guglielmo Oberdan. In collaborazione con il Comune di Trieste, la Federazione Grigioverde, l’Associazione Nazionale Alpini - Sezione di Trieste e l’Associazione Mazziniana hanno prima reso omaggio alla tomba del martire nel Cimitero militare di via della Pace e poi deposto una corona al Sacello di Oberdan nell’omonima piazza, scoprendo altresì un’iscrizione in memoria dei Giuliani Caduti durante la Seconda Guerra Mondiale.
Presso la Sala “Tessitori” del Consiglio Regionale, in piazza Oberdan 5, ha quindi avuto inizio l’incontro di studi dal titolo 1882-2012: Guglielmo Oberdan martire della Nazione. «Poche volte nella storia – ha sottolineato il presidente della Lega Nazionale Paolo Sardos Albertini – una vicenda che poteva esaurirsi in quella, sia pure tragica, di un singolo individuo risultò invece capace di segnare di sé gli eventi della storia e della politica. Molto probabilmente senza il suo martirio tutto sarebbe stato diverso, diverso certamente sarebbe stato il corso delle nostre vicende, diversa la possibilità di trovare ascolto nell’opinione pubblica italiana, diverso sicuramente il configurarsi dell’Irredentismo: quella di Guglielmo Oberdan fu di certo un’azione ispirata all’ideale tutto romantico dell’eroe solitario, ma fu al contempo un atto di estremo realismo politico, consapevole che nelle società di massa il gesto può anche essere portatore di effetti dirompenti».
Diego Redivo ha parlato di come Giosuè Carducci e Gabriele d’Annunzio cantarono Oberdan. Stefano Biguzzi ha messo a confronto due martiri dell’irredentismo democratico: il triestino Oberdan e il trentino Cesare Battisti. Roberto Spazzali ha focalizzato la figura di Oberdan tra ribellismo politico ed irredentismo nazionale. Infine Fulvio Salimbeni ha delineato la figura di Oberdan, il significato del suo sacrificio, il contesto e le conseguenze politiche della sua impiccagione secondo la ponderosa e documentatissima opera storiografica di Francesco Salata.
Guglielmo Oberdan, nato a Trieste nel 1858, disertò dall’esercito austro-ungarico nel luglio 1878 e si rifugiò in Italia per non partecipare all’occupazione della Bosnia-Erzegovina legittimata dal Congresso di Berlino. Esule a Roma, divenne attivissimo nei gruppi irredentisti di tendenza mazziniano-garibaldina. La sera dei funerali di Giuseppe Garibaldi (2 giugno 1882) il giovane, che aveva contribuito a organizzarli, confidò a un amico: «nulla convien più sperare nell’Italia ufficiale; occorre pertanto risvegliare gli entusiasmi fra gli italiani, dando dei martiri alla santa causa». Il 16 settembre fu arrestato a Ronchi dei Legionari, dopo aver attraversato clandestinamente il confine. Il processo si svolse frettolosamente e a porte chiuse, senza che le autorità italiane intervenissero a sua difesa. Oberdan si autoaccusò scagionando tutti i complici. Il 4 novembre la Corte suprema di guerra di Vienna emise la sentenza che lo condannava a morte «per il crimine d’alto tradimento, dell’opposizione ad una guardia militare e della prima diserzione in tempo di pace, nonché per la contravvenzione alla patente delle armi». La colpa effettiva fu quella di aver tramato per assassinare l’imperatore Francesco Giuseppe allo scopo di far scoppiare una guerra tra Italia e Austria-Ungheria per la liberazione delle terre irredente. Riuscì vano il tentativo di attribuirgli la paternità del sanguinoso attentato del 2 agosto 1882 a Trieste. La sua impiccagione, eseguita il 20 dicembre 1882, suscitò in numerose città d’Italia un’ondata di proteste anti-asburgiche duramente represse dal governo per compiacere le autorità di Vienna in ossequio alla Triplice Alleanza. Il presidente del Consiglio e ministro dell’Interno Depretis impedì persino semplici commemorazioni private, inaugurazioni di monumenti e raccolte di fondi in sua memoria; inoltre sequestrò giornali, manifesti, libri e volantini evocanti Oberdan. In seguito vennero sciolti diversi circoli a lui intitolati.


La Resistenza italiana
L’Istituto Regionale per la Cultura Istriano-fiumano-dalmata ha organizzato cinque appuntamenti in vista del Giorno del Ricordo 2013 per «allacciare relazioni tra passato e futuro, tra vicino e lontano nell’ambito dell’Adriatico orientale e delle sue popolazioni di lingua italiana». Il primo è stato una tavola rotonda sulla Resistenza italiana in Istria, svoltasi il 10 gennaio nella saletta della libreria “Minerva” di Trieste.
La presidente dell’IRCI Chiara Vigini ha esortato a celebrare il Giorno del Ricordo non in modo lamentoso, ma con lo sguardo ampio e proteso in avanti, affinché i giuliano-dalmati siano protagonisti di quanto succede. «Ricordare – ha detto – è la strada che porta a capire e ad agire. Gli italiani dell’Adriatico orientale hanno dato il meglio di sé nel loro europeismo ante litteram, nella loro capacità di vivere con altre nazionalità. Dimostrando forza di carattere, non si sono lasciati fermare da esodo e foibe, ma si sono rimboccati le maniche. Ora l’allargamento dell’Unione Europea alla Croazia riunirà un mare che è stato diviso solo negli ultimi decenni».
L’esule polesano Mario Merni, classe 1921, presidente dell’Associazione Volontari della Libertà (AVL) di Gorizia, ha raccontato di aver fatto parte di una cellula resistenziale segreta nell’ambito dell’Unione Nazionale Protezione Antiaerea (UNPA). Era composta da cinque uomini, ognuno responsabile di un’altra cellula. A Pola ve ne erano anche all’interno dei Vigili del Fuoco, della fabbrica cementi e dei cantieri. Diffondevano stampati clandestini, raccoglievano viveri per i partigiani e compivano sabotaggi. Gli unici atti sanguinosi commessi furono l’uccisione di tre italiani al servizio delle SS responsabili della morte di numerosi partigiani; il monumento di Monte Grande ricorda appunto i 21 detenuti delle carceri polesi soppressi nell’ottobre 1944 come rappresaglia nazista per l’attentato contro l’SS Giuseppe Bradamante. Pola diede alla lotta antifascista 3.000 concittadini, di cui 950 caduti e 250 morti nei lager. L’anelito comune era quello alla libertà, alla democrazia e alla giustizia. Si aveva ingenuamente fiducia nello sbandierato principio dell’autodecisione dei popoli. La disillusione arrivò dopo. Nell’aprile 1945 il Comitato Popolare di Liberazione di Pola, respinta l’offerta di collaborazione della X Mas, si preparò a insorgere per impedire che il porto venisse distrutto. Ma i tedeschi si ritirarono verso Trieste e l’unico scontro a fuoco ebbe luogo presso Dignano. Quelli rimasti in città, dopo un accordo col CPL, si ritirarono nel forte di Musil attendendo gli anglo-americani. La linea di confine tra i due settori passava tra la fabbrica cementi e Stoia. Nella notte del 28 aprile Merni fece salire uno dei partigiani su un camioncino di tedeschi che dovevano recarsi a sminare un sito oltre le linee. Ma questi furono catturati da elementi titini, costretti a scavarsi la fossa e fucilati sul posto. Poche ore più tardi i primi soldati della IV Armata jugoslava e del IX Korpus, entrati in città, cominciarono a sparare contro i tedeschi asserragliati a Musil facendo così saltare la tregua. Gli ultimi tedeschi, arresisi il 7 maggio alle truppe jugoslave giunte in forze, furono trucidati a tradimento. Durante i 45 giorni di occupazione i polesani sopravvissero con i viveri lasciati dagli stessi tedeschi. I depositi, per evitare che la popolazione li assaltasse, erano presidiati dai militi con la stella rossa. Quando uno di loro, polesano, andò in escandescenze, venne sbrigativamente falciato da un ufficiale jugoslavo.
Fabio Forti, presidente dell’AVL di Trieste, fu il più giovane partecipante all’insurrezione anti-tedesca decretata dal CLN triestino il 30 aprile 1945. Il giorno successivo però, con l’arrivo degli jugoslavi, fu costretto come gli altri a rientrare in clandestinità. Gli dissero: «Voi non siete mai esistiti». Appena 57 anni dopo lo Stato italiano si ricordò del suo apporto alla Resistenza. Nel 1999 il presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi invitò l’AVL di Trieste a scrivere le pagine scomode fino ad allora rimaste bianche. Così, mettendo a disposizione di storici volenterosi il proprio vasto archivio, dal 2003 ad oggi l’associazione ha pubblicato sull’argomento ben quindici libri grazie al contributo della Regione FVG.
Livio Dorigo, presidente del Circolo “Istria”, ha affermato che l’8 settembre fece crollare anche nei giovani polesani le certezze che il regime fascista aveva instillato loro. L’antifascismo democratico era la continuazione dello spirito risorgimentale mazziniano da tempo radicatosi in città. Ma dopo la guerra le sinistre collocarono a destra tutti i profughi, dimostrando incomprensione anche verso gli antifascisti non piegatisi a Tito. Ora bisogna recuperare la memoria di insigni personaggi della Resistenza italiana dell’Istria, come il comunista rovignese Antonio Budicin, perseguitato dai titini perché contrario all’annessione, il socialista albonese Giovanni Tommaso Tonetti, padre costituente, o il generale albonese Carlo Raunich, che nel dicembre 1943 diede vita in Jugoslavia alla Divisione Italiana Partigiana “Garibaldi”. Dorigo ha proposto che alla medaglia d’oro al valor militare Giuseppe Callegarini, animatore della Resistenza ucciso a Pola il 25 dicembre ’44, venga dedicato un cippo a Trieste sul colle di San Giusto.
Lo storico Roberto Spazzali, autore di parecchi dei volumi editi dall’AVL triestina, ha accusato di conformismo, opportunismo e pigrizia la storiografia resistenziale sia giuliana sia italiana del dopoguerra che ha recepito alcuni falsi cliché di quella jugoslava. Così appena nel 2004, e solo grazie al Centro di Ricerche Storiche di Rovigno, il comunista anti-annessionista polese Edoardo Dorigo è stato discolpato dall’accusa infamante di corresponsabilità nell’eccidio perpetrato il 9 settembre 1943 ai Giardini di Pola, mentre invece a sparare contro bersagli mirati furono alcuni agenti della polizia politica badogliana. Il CLN Alta Italia fece troppi errori, come quello di trattare solo con il Fronte di Liberazione sloveno, di credere alle tesi slovene sulla composizione etnica della regione, o di ritenere che difendendo Trieste si sarebbe difesa anche la Venezia Giulia. Il pur attivo Comitato Giuliano di Roma ebbe scarsa credibilità perché composto da personaggi equivoci come il polese Antonio De Berti. I CLN di Trieste, composti in buona misura da istriani, si trovarono isolati e non riuscirono né a raccogliere l’adesione di tutti gli intellettuali né ad estendere il loro controllo sull’intera regione. Dei CLN cittadini si costituirono a Capodistria, Isola e Pola, ma l’unico che insorse e governò fu quello di Isola, sebbene per soli otto giorni prima che gli jugoslavi lo esautorassero. La scelta tra RSI e partigiani lacerò le coscienze e le famiglie.


Per un’informazione transfrontaliera indipendente
“Il ruolo del giornalismo indipendente nell’area di confine per un superamento dei pregiudizi”: questo il tema della tavola rotonda svoltasi il 19 dicembre al Circolo della Stampa di Trieste su iniziativa della Cooperativa Media di Capodistria in collaborazione con l’Assostampa del Friuli Venezia Giulia. Tutti i vari relatori hanno auspicato la nascita di un’informazione transfrontaliera professionale e responsabile, indipendente sia dalla politica che dall’economia, capace di svolgere un servizio pubblico in un territorio di contatto fra Italia, Slovenia e Croazia plurilinguistico e pluriculturale. Conoscere meglio il proprio vicino al di là dei comodi stereotipi, sapere quanto accade a pochi chilometri di distanza è infatti necessario per convivere e collaborare nel rispetto reciproco. Ai giornalisti spetta perciò un’importante opera di mediazione culturale fra realtà contigue nell’interesse comune.
Oggi però nel settore privato l’informazione è vista come un’industria volta a produrre profitti per gli azionisti anche tagliando su personale e qualità. In tale ottica il quotidiano “Messaggero Veneto” ha chiuso la redazione goriziana, mentre “Il Piccolo” ha ridimensionato le notizie da Istria, Quarnero e Dalmazia, pur dando più spazio a quelle da Slovenia, Croazia e area danubiano-balcanica. Un modello nazionale in controtendenza è “Il fatto quotidiano”, che resiste con i soli introiti della pubblicità e delle vendite perché ha saputo fidelizzare i propri lettori.
Quanto al settore pubblico, i programmi italiani di TV Koper-Capodistria informano su Slovenia, Italia, Croazia, Istria e Friuli Venezia Giulia; resta però limitata la diffusione del segnale. La “TV transfrontaliera” non è mai realmente partita, essendo rimasta a livello sperimentale con la semplice messa in onda di programmi sia italiani che sloveni di TV Koper-Capodistria sulle frequenze regionali di Rai 3 e viceversa. Un’idea sarebbe quella di sottotitolare in italiano i tg sloveni di Rai 3 per renderli accessibili anche agli italofoni. Ad esempio Libera TV ha introdotto i sottotitoli in tempo reale per le persone sorde. La sostenibilità economica di tale innovativa piattaforma webtv legata ad associazioni e diretta a un pubblico selezionato dipenderà dalla partecipazione dei fruitori ai costi. Visti infatti gli scarsi introiti pubblicitari, il finanziamento statale rischia di creare un’illusione di autonomia, destinata a svanire quando i fondi si riducono o vengono meno.
Il “Primorski dnevnik”, quotidiano degli sloveni in Italia, è dal 1997 una cooperativa di lettori e abbonati i cui organi dirigenti vengono democraticamente eletti in un’assemblea. Tale formula garantisce autonomia dai condizionamenti politici e un forte legame coi lettori. Due sono le principali fonti di sostentamento: la legge statale sull’editoria politica, destinata però a scadere nel 2014 dopo che già i relativi fondi sono stati decurtati, e la pubblicità. Finiti i tempi della contrapposizione etnico-ideologica, il “Primorski” è diventato parte integrante di Trieste e Gorizia, ricevendo solidarietà da esponenti istituzionali e politici di ogni credo quando la mancata assegnazione dei previsti 2,5 milioni di finanziamento pubblico ne ha minacciato la sopravvivenza. Due le sfide non ancora vinte: la diffusione di notizie in italiano sul web per raggiungere anche quanti non capiscono lo sloveno, e la collaborazione con testate di oltre confine.
Anche Radio Onde Furlane è una cooperativa. Dal 1980 si è fortemente legata al territorio, lavora per gli enti pubblici dando notizie in lingua friulana e sui friulani all’estero e viene seguita via web anche in Argentina. Oltre che di soci lavoratori dispone di molti volontari.
In Slovenia esistono invece solo due tipi di proprietà degli organi di informazione: pubblica e privata. Se il primo settore è fortemente condizionato dalla politica, il secondo risente di interessi economici estranei al giornalismo. Un esperimento del tutto nuovo è quello della Cooperativa Media di Capodistria, costituita recentemente per realizzare un’informazione sia cartacea che on-line in sloveno, italiano e croato.
Altro possibile canale di finanziamento sarebbero i fondi europei per le iniziative trans-frontaliere. Ma qualunque iniziativa di successo non potrà che avere alla base lo spirito di servizio e la qualità dell’informazione.


Giuseppe Tartini celebrato nel duomo di Fiume
Nel duomo di Fiume, su iniziativa della locale Comunità degli Italiani, sabato 17 novembre il Coro della Comunità degli Italiani di Pirano “Giuseppe Tartini” ha celebrato in costume settecentesco il 320° anniversario della nascita di Giuseppe Tartini. Lo ha fatto interpretando, con l’accompagnamento all’organo, alcune canzoncine sacre dell’insigne musicista e compositore come Crocifisso mio Signor, Alma pentita rallegra il core, No che terreno fallace amore, Voglio amar Gesù anch’io, Dolce mio Dio e Stabat Mater. Inoltre la giovane connazionale piranese Miriam Monica ha tracciato una biografia artistica del grande personaggio nato a Pirano nel 1692 e morto a Padova nel 1770. Con tale riuscita iniziativa la preziosa eredità culturale di un illustre figlio di quelle terre è stata splendidamente riproposta nel principale edificio sacro della più popolosa città istro-quarnerina. Il seguitissimo e applauditissimo concerto è stata dunque al tempo stesso una nuova implicita affermazione di italianità autoctona in un’area dove per decenni era stata repressa.


All’IRCI si formerà un “Archivio della memoria”
L’IRCI, Istituto Regionale per la Cultura Istriano-fiumano-dalmata di Trieste, ha avviato il progetto per la costituzione di un “Archivio della memoria” in cui far confluire materiale biografico sull’esodo delle genti giuliano-dalmate. Il materiale raccolto verrà esposto presso il Civico Museo della Civiltà Istriana, Fiumana e Dalmata di Trieste in una mostra che sarà inaugurata l’8 febbraio 2013.
Con l’iniziativa “...quel giorno... sì quel giorno” si invitano gli esuli, i loro figli e nipoti, come pure chi ha vissuto o conosciuto direttamente o indirettamente quelle vicende, di inviare brevi memorie o testimonianze, foto, documenti, lettere o qualsiasi altro documento per ricordare un giorno particolare, quello che ha segnato la propria vita o quella di un proprio caro o semplicemente conoscente, il giorno in cui si decise di lasciare l’Istria, Fiume o la Dalmazia, il giorno in cui si arrivò a Trieste, a Venezia, ad Ancona, a Bari, il giorno in cui si entrò in un campo profughi, il giorno che fece cambiare idea... ma anche il giorno in cui si ebbe un lavoro, una casa o, in esilio, nacque un bambino, o ci si sposò... Insomma quel giorno che non si può dimenticare. Quello che forse non si sarebbe mai vissuto se...
Il materiale autobiografico può essere inviato per posta a IRCI, via Duca d’Aosta 1, 34123 Trieste, via mail all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure al profilo facebook “Istria quel giorno”. Per informazioni telefoniche: 040 639188.


Fiume omaggia il suo compositore Marcello Tyberg
Fiume ha ufficialmente reso omaggio al suo illustre concittadino Marcello Tyberg, prolifico compositore, organista e pedagogo nato a Vienna nel 1893 ma vissuto tra Fiume e Volosca a partire dal 1907. Il 4 giugno 1944 fu arrestato dai nazisti in quanto ebreo da parte paterna, rinchiuso a Trieste nella Risiera di San Sabba e quindi deportato nel campo di concentramento di Auschwitz, dove terminò i suoi giorni. In precedenza era comunque riuscito ad affidare molti dei suoi manoscritti alla famiglia Mihich, che li ha conservati nell’esilio in America consegnandoli infine alla Fondazione per il lascito musicale di Tyberg, istituita nella città di Buffalo presso l’Associazione dei filantropi ebrei. Un’altra parte della sua produzione si trova a Fiume presso la famiglia Venucci.
Una mostra di suoi documenti, articoli e autografi è stata inaugurata il 23 novembre 2012 nell’atrio del teatro “Ivan de Zajc” con il supporto delle Città di Fiume e Abbazia e della cattedra di Ricerca dell’eredità musicale fiumana presso la locale università. Il 24 novembre nello stesso teatro l’Orchestra filarmonica di Buffalo ha eseguito la prima esecuzione in Croazia della Seconda sinfonia in fa minore del maestro.


Sisto V papa piceno, non croato
Promosso dall’Associazione Nazionale Dalmata, si è svolto il 13 dicembre a Roma nella Sala del Primaticcio della Società Dante Alighieri un convegno di studi dal titolo Sisto V Papa piceno. L’iniziativa ha contribuito a smontare, prove alla mano, i maldestri tentativi fatti negli ultimi anni per attribuire al pontefice marchigiano una identità croata che invece non trova fondamenti storici. Felice Peretti, nato a Grottammare (Ascoli Piceno) nel 1520, entrò a nove anni nel convento dei frati minori conventuali di Montalto delle Marche (Ascoli Piceno) e si fece conoscere prima come brillante predicatore, poi come inflessibile inquisitore, quindi come cardinale dedito agli studi, infine dal 1585 come energico successore di Pietro che intraprese la realizzazione di numerose opere pubbliche. Morì a Roma nel 1590.

  • Notizie Importanti

     

    5 x 1000  90068810325

     

    ARCHIVIO STORICO ARENA DI POLA

    TUTTI GLI ARTICOLI
    DAL 1948 AL 2009

    www.arenadipola.com

      RECAPITI 
    "Associazione Italiani di Pola e Istria-Libero Comune di Pola in Esilio" AIPI-LCPE

    - informatico:
    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

    cellulare +39 388 8580593.

    - postale:
    c/o Tipografia Art Group S.r.l.
    via Malaspina 1
    34147 TRIESTE

    ***
    Quota associativa annuale, che dà diritto a ricevere L'ARENA DI POLA, euro 35,00 a mezzo bonifico bancario intestato a:
    Associazione Italiani di Pola e Istria-Libero Comune di Pola in Esilio (AIPI-LCPE)
    IBAN dell’UniCredit Agenzia Milano P.zle Loreto
    IT 51 I 02008 01622000010056393
    BIC UNCRITM1222.

    oppure 

    C/C/P 38407722 intestato a "il Periodico L'Arena di Pola"

     ***

    Siamo anche su Facebook. Associazione Italiani di Pola e Istria - Libero Comune di Pola in Esilio
    Diventiamo amici.

    ***

    Dalle elezioni dell' 11 giugno 2017

     Sindaco/Presidente:
    Tito Sidari
    Vice: Maria Rita Cosliani
    Direttore dell'Arena di Pola: Viviana Facchinetti

     (l'organigramma completo nella sezione
    Chi siamo")