GRANDE GUERRA: quei fanti dimenticati del 97° Reggimento

Quei fanti dimenticati del 97° Reggimento nella Grande guerra  
 
Scritto da Pietro Spirito, «Il Piccolo» 07/08/13   
 
In totale, nei quattro anni di guerra, furono circa 35mila. Tranne un battaglione, il decimo, che rimase a difendere il Carso, gli altri furono spediti sul fronte dalla Galizia, il più lontano possibile da casa. Qui, tra il 1915 e il 1918, furono decimati, falciati dalle bombe, dalle mitragliatrici e dalle malattie. Molti finirono dispersi, molti altri prigionieri dei russi che li spedirono nel Turkestan, e lungo la transiberiana, dove le temperature toccavano i 40 gradi d’estate e i 40 sotto zero d’inverno. I russi non si aspettavano una tale massa di prigionieri, e la gestione dei campi di concentramento fu precaria e inadeguata.
Altre centinaia di sopravvissuti alle trincee svanirono nel nulla travolti dalla rivoluzione bolscevica e dalla controrivoluzione: considerati semplici civili liberi, furono però privati di ogni diritto e, senza poter comunicare con le loro famiglie, vennero abbandonati a loro stessi. Nel complesso morirono a mucchi, e solo dopo il conflitto i loro corpi, sepolti dove capitava, vennero raccolti qua e là in piccoli cimiteri sparsi per la grande Russia. E chi ebbe in sorte di tornare a casa, ma solo dopo il 1920, nelle terre dove adesso sventolava il tricolore, spesso non trovò più né la casa, né i beni, né gli affetti. Fu questo il destino degli soldati del 97.o Reggimento di fanteria dell’esercito comune dell’Impero austro-ungarico, composto da uomini arruolati tra il Litorale e la Carniola, da Plezzo/Bovec alla Contea di Gorizia e Gradisca, e poi in Friuli, in Carso, a Trieste e nel sud dell’Istria. Questi ragazzi parlavano italiano, sloveno, croato e si esprimevano nelle infinite sfumature dei dialetti locali. In più dovevano imparare le tre parlate in vigore nell’esercito: la lingua di comando, la lingua di servizio e quella di reggimento. Ottanta comandi in tedesco da mandare a memoria, oltre alla difficoltà di intendersi con gli altri commilitoni. Il primo contingente di questa Babele partì l’11 agosto 1914 dalla stazione centrale di Trieste. Una volta arrivati al fronte, il 22 agosto, a sud-ovest di Leopoli, nella Galizia centrale, i fanti vennero subito coinvolti in violentissimi combattimenti e furono obbligati a ripiegare sui Carpazi. Il decimo Battaglione, l’unico del reggimento a restare nella zona d’origine, partecipò alla difesa del ciglione carsico sull’Isonzo tra il ’15 e il ’16, e fu quasi annientato dalle prime tre offensive italiane. Fra Trieste, Gorizia, il Friuli, sono molte le famiglie che, ancora oggi, conservano il ricordo di un nonno, bisnonno, zio o cugino arruolato nel 97.o Reggimento. Eppure, pubblicamente, la memoria di quei 35mila soldati è stata letteralmente cancellata, lasciando il posto sul podio agli allori dei 4mila loro fratelli irredenti. Se è vero che la storia la scrivono i vincitori, è altrettanto vero che la memoria, che della storia è radice, prima o poi torna fuori a chiedere udienza. Per la Trieste italiana e redenta è ovvio che quelle migliaia di soldati costituissero un impiccio: coltivare la memoria del nemico non è mai buona pratica, e di solito il tempo si incarica di fare il resto. Ma a cento anni dall’immane macello della Grande guerra è il momento di fare ordine nei cassetti della storia, ed è per questo che venerdì verrà inaugurata al centro Škerk di Ternova la mostra “La guerra in casa - La memoria rimossa”, che espone oltre 250 foto e cartoline originali, uniformi, documenti, carte topografiche e altri cimeli che ricordano i sacrifici dei ragazzi del 97°. L’iniziativa è di un privato, l’avvocato Giuseppe Škerk, uomo di vasti interessi e cultura che organizza nel suo centro espositivo iniziative culturali di vario genere. Stavolta, in più, c’è una motivazione personale: il padre di Škerk, Giuseppe (Josip) anche lui, fu tra quelli che partì con il 97° Reggimento, «lasciando - ricorda l’avvocato - quattro figli in tenera età, la moglie in attesa del quinto e un’avviata attività economica». Josip, continua Škerk, «si fece sei anni di prigionia tra l’Ucraina, la Siberia e Tjumen, sul Mare Glaciale Artico», e quando tornò, nel 1920, «trovò già sepolte la moglie e l’ultima bambina, e i beni, requisiti dalle truppe austro-ungariche, devastati negli 888 giorni del fronte sul Carso». «Pur essendo - nota ancora Giuseppe Škerk nella presentazione al catalogo della mostra - il ricordo di tale periodo, in particolare delle infinite sofferenze di ogni genere che detti militari affrontarono e subirono, ben presente nei singoli nuclei famigliari, sinora non è stata, purtroppo, loro dedicata alcuna pubblica cerimonia od onoranza». Eppure basta guardare le immagini esposte al Centro d’arte e cultura di Ternova per avere un’idea piuttosto chiara di quale fetta di storia è giunto il momento di recuperare. Nelle immagini seppiate scattate cento anni fa in Galizia rivive non solo un mondo scomparso, ma quello che fu l’orizzonte di un’epoca intera, parte integrante della cultura e del vissuto di Trieste e dintorni. E tanto per sgombrare il campo da equivoci: non c’è alcuna intenzione anti-italiana nell’allestimento della “memoria rimossa”. Anzi, in esposizione ci sono anche immagini e reperti che ricordano le sofferenze dell’altra parte, quelle dei fanti italiani sul fronte dell’Isonzo (nonché dei russi). La composizione etnica del 97° K.u.K. Infanterie Regiment “Freiherr von Waldstätten” (dal nome del comandante onorifico Georg von Waldstätten”) al momento della sua mobilitazione era così suddivisa: 45% sloveni (compresi gli sloveni triestini), 25% serbo-croati, 20% italiani, 8% vari. Nella mostra - che ricostruisce gli spostamenti di fronte e le battaglie che impegnarono il reggimento - sono esposte le lettere che i soldati inviavano a casa. Sono scritte in sloveno, in italiano, in tedesco e hanno lo stesso tono, dicono le stesse cose di quelle spedite dai fanti russi e italiani sull’altra linea dei fronti. Straordinaria e simbolica la cartolina prestampata con la frase “Sono sano e sto bene” riportata in tutte le lingue dell’impero, italiano compreso. LA CURIOSITà La leggenda dei “Demoghèla” tra ironia e post-propaganda “Qua se magna / qua se bevi / qua se lava la gamela, / zigheremo “demoghèla” / sin che l’ultimo sarà...» Così cantavano autoironicamente i fanti del 97.o, popolarmente noto come “reggimento demoghèla”, cioè quello dei furbi e un po’ vigliacchi. E gli ufficiali austriaci, sospettosi, vigilavano. «Was bedeutet dieses Wort “demoghèla”?» («Cosa significa questa parola demoghèla?») chiese secondo la vulgata uno di questi a un soldato. E questo: «Es ist ein Kriegsruf!» («È un grido di guerra!»): perché bastava spostare l’accento e gridare “dèmoghela”, nel senso di “diamogliele” (botte al nemico, s’intende). Le vicende apparentemente ingloriose del reggimento (in realtà pluridecorato sul campo) vennero poi distorte dalla propaganda irredentista dopo la guerra: i triestini che inneggiavano alla fuga non lo facevano per paura ma per boicottare l’ oppressore austriaco. Come trasformare presunti fifoni in altrettanto presunti eroi. Resta l’etichetta di ”pomigadori”: invece della prima linea era meglio “pomigar”, ovvero andare a lavare le pentole nelle cucine con la pietra pomice (la pòmiga).
  •                   Logo AIPI LCPE

    Notizie Importanti

    ANTICO STATUTO COMUNE DI POLA  Click QUI

    Legenda contenuti ANTICO STATUTO DI POLA Click QUI

     

    RASSEGNA DI FOTO E FILMATI    Click QUI

     

    per devolvere il 5%o a AIPI-LCPE   Codice Fiscale 90068810325

     

    ARCHIVIO STORICO DE L' ARENA DI POLA

    TUTTI GLI ARTICOLI Click QUI
    DAL 1948 AL 2009 

    vai su: www.arenadipola.com

     INFORMAZIONI E RECAPITI 
    "ASSOCIAZIONE ITALINI DI POLA E ISTRIA_LIBERO COMUNE DI POLA IN ESILIO"  Acronimo AIPI-LCPE
    mail per informazioni e cellulare:
    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.                +39 388 8580593.

    recapito postale:
    c/o Tipografia Art Group S.r.l.
    via Malaspina 1
    34147 TRIESTE

    ***
    Costo Quota Associativa annuale, con invio del periodico L'ARENA DI POLA, euro 35,00 a mezzo bonifico bancario intestato a:
    Associazione Italiani di Pola e Istria-Libero Comune di Pola in Esilio (AIPI-LCPE)
    IBAN dell’UniCredit Agenzia Milano P.zle Loreto
    IT 51 I 02008 01622000010056393
    BIC UNCRITM1222.

    oppure 

    C/C/P 38407722 intestato a                "il Periodico L'Arena di Pola"

     ***

    Siamo anche su Facebook. Associazione Italiani di Pola e Istria - Libero Comune di Pola in Esilio
    Diventiamo amici.

    ***

    ELEZIONI dell' 11 giugno 2017

    Sindaco/Presidente:
    Tito Sidari
    Vice: Maria Rita Cosliani
    Direttore dell'Arena di Pola: Viviana Facchinetti

     (l'organigramma completo nella sezione
    Chi siamo")