STRAGE DI VERGAROLLA: LA POLEMICA

Associazione
                   LIBERO COMUNE DI POLA IN ESILIO
     
Leggiamo con dispiacere le critiche rivolte alla Presidente della Regione Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani per il bel messaggio da Lei trasmessoci in vista delle cerimonie polesi a ricordo delle vittime della strage di Vergarolla, e le riconfermiamo gratitudine per la sua attenzione e apprezzamento per le sue significative parole.
La Commissione d’inchiesta alleata accertò che le 28 mine di profondità non sarebbero potute esplodere accidentalmente poiché private del detonatore, che qualcuno reinserì. Pertanto fu una strage premeditata, non una tragedia fortuita.
Fabio Amodeo e Mario Cereghino scoprirono fra i documenti degli archivi inglesi il nome di uno dei probabili attentatori, un agente dei servizi segreti jugoslavi, e lo citarono in Trieste e il confine orientale tra guerra e dopoguerra. Volume 3. 1946-1951 (Trieste, 2008). Ulteriori particolari vennero forniti da Pietro Spirito su “Il Piccolo” del 9 marzo 2008: «dal 9 settembre 1946, sono attive a Trieste e in tutta la Venezia Giulia 6 squadre di sabotatori dell’OZNA, con l’obiettivo di “promuovere atti terroristici”»; «in ottobre, un gruppo di ex soldati tedeschi (una trentina) è stato incaricato dai titini di organizzare una serie di attentati dinamitardi contro le forze angloamericane di stanza a Trieste».
Ulteriori documenti inglesi richiamati su “L’Arena di Pola” del luglio 2006 riferiscono che, prima di Vergarolla, da parte filo-jugoslava era stata espressa la volontà di boicottare qualsiasi manifestazione, anche sportiva, filo-italiana. Non a caso una bomba fu rinvenuta a Trieste sotto la tribuna della giuria di una gara internazionale di canottaggio. E le gare natatorie previste per la mattina del 18 agosto 1946 davanti alla sede della società “Pietas Julia” avevano una chiara connotazione patriottica. Vi accorsero centinaia di famiglie italiane italofile, ragion per cui le vittime si contarono solo fra queste.
Testimonianze oculari riportate su “L’Arena di Pola” del luglio 2013 affermano di aver sentito una detonazione subito prima dello scoppio e di aver visto in mattinata un uomo ben vestito stendere un “filo” lungo la pineta, tagliarlo con un coltello e aggiuntarlo in più punti: era un congegno elettrico a distanza. Un altro sconosciuto fu visto arrivare su una barchetta di idrovolante alla banchina del vicino cantiere navale “Lonzar”; disse di venire da Brioni, che era sotto occupazione jugoslava. Dopo l’esplosione il prof. Giuseppe Nider e un maggiore britannico trovarono in una vicina cava tracce di apparati per l’innesco remoto uguali a quelli usati nelle miniere dell’Arsa. L’esule polesano Lino Vivoda avrebbe inoltre scoperto un altro degli attentatori: un agente dell’OZNA-UDBA membro del gruppo operante tra Fasana e Peroi.
E’ vero che già nel luglio 1946 ben 28.058 cittadini presenti a Pola avevano preannunciato l’intenzione di esodare nel caso la città fosse passata alla Jugoslavia. Ma la Conferenza della pace doveva ancora decidere e il 15 agosto all’Arena circa 20.000 filo-italiani erano accorsi alla manifestazione indetta dalla Lega Nazionale unendosi ai cori nel cantare inni patriottici. L’eccidio di Vergarolla rafforzò anche nei più titubanti la convinzione che l’esodo fosse ormai l’unica garanzia di sopravvivenza, oltre che di libertà e di mantenimento della cittadinanza italiana.
Paolo Radivo
Direttore de “L’Arena di Pola” e segretario del Libero Comune di Pola in Esilio

(Il Piccolo 11/09/2013) 

LA POLEMICA
«Strage di Vergarolla, confutiamo la tesi di Serracchiani»
 
Una bacchettata alla presidente della giunta regionale, Debora Serracchiani e un invito, rivolto a tutti, di «essere rigorosi nel trattare temi legati all’immediato dopoguerra in queste terre e alla strage di Vergarolla in particolare». La studiosa Claudia Cernigoi, in rappresentanza della testata “10 Febbraio” e la storica Alessandra Kersevan, esponente del gruppo “Resistenza storica”, sono state protagoniste, sabato, di un intervento che ha avuto il duplice scopo di criticare una recente dichiarazione di Serracchiani e di esprimere «il comune impegno nell’approfondire una vicenda storica sulla quale ancora non si è fatta chiarezza». In relazione alla strage di Vergarolla, nella quale morirono, il 18 agosto del ’46, a causa dell’esplosione di un ordigno, 87 persone, intervenute a una festa popolare, Serracchiani ha recentemente definito il grave fatto «un chiaro messaggio dei servizi segreti di Tito agli italiani di Pola e dell’Istria, accertato come tale attraverso la consultazione delle carte dei National Archives di Kew Gardens, vicino a Londra. Le affermazioni di Serracchiani – ha rilevato Kersevan – sono poco meditate e inappropriate, soprattutto in conseguenza del suo ruolo. «Come ricercatrice – ha proseguito - posso confermare che gli archivi britannici devono essere sottoposti ad attento vaglio. In base ad altre fonti, abbiamo saputo che esiste ulteriore documentazione che smentisce quanto affermato da Serracchiani. Le sue dichiarazioni – ha insistito - sono perciò forzate. Si vuole mettere in una certa luce il movimento partigiano. Guai a non ribattere alle dichiarazioni di Serracchiani - ha concluso Kersevan - che altrimenti potrebbe trasformarsi in una verità rivelata, cosa che non è». Cernigoi è partita dalla definizione di Maria Pasquinelli: «una terrorista – ha detto – e gli jugoslavi non avrebbero avuto interesse a terrorizzare la popolazione italiana affinché se ne andasse, quando già la stragrande maggioranza aveva deciso in tal senso. Ciò che e' successo in Istria – ha concluso - va spiegato all'interno della logica di spartizione fra Stati di quel preciso momento storico».

Ugo Salvini
(Il Piccolo 09/09/2013)

  • Notizie Importanti

     

    5 x 1000  90068810325

     

    ARCHIVIO STORICO ARENA DI POLA

    TUTTI GLI ARTICOLI
    DAL 1948 AL 2009

    www.arenadipola.com

      RECAPITI 
    "Associazione Italiani di Pola e Istria-Libero Comune di Pola in Esilio" AIPI-LCPE

    - informatico:
    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

    cellulare +39 388 8580593.

    - postale:
    c/o Tipografia Art Group S.r.l.
    via Malaspina 1
    34147 TRIESTE

    ***
    Quota associativa annuale, che dà diritto a ricevere L'ARENA DI POLA, euro 35,00 a mezzo bonifico bancario intestato a:
    Associazione Italiani di Pola e Istria-Libero Comune di Pola in Esilio (AIPI-LCPE)
    IBAN dell’UniCredit Agenzia Milano P.zle Loreto
    IT 51 I 02008 01622000010056393
    BIC UNCRITM1222.

    oppure 

    C/C/P 38407722 intestato a "il Periodico L'Arena di Pola"

     ***

    Siamo anche su Facebook. Associazione Italiani di Pola e Istria - Libero Comune di Pola in Esilio
    Diventiamo amici.

    ***

    Dalle elezioni dell' 11 giugno 2017

     Sindaco/Presidente:
    Tito Sidari
    Vice: Maria Rita Cosliani
    Direttore dell'Arena di Pola: Viviana Facchinetti

     (l'organigramma completo nella sezione
    Chi siamo")