CARISSIMI AUGURI DI BUON NATALE IN PACE E SERENITA'

 

Immagine attiva

 Una copia del porto di Pola come appariva alla fine sedicesimo secolo, il Rosaccio riassume così la stora della nostra Città:
“All’incontro di Pola si veggono in lista certe isolette molto fruttuosse, e nel porto istesso di Pola veggonsi sei isolette nel giro di tre miglia.
Et fuori del porto si scuoprono l’isole di San Geronimo, e quelle de i Brioni. Questa è lunga cinque, e larga quatro miglia. E più verso levante ritrovasi l’isola di Santa Maria de’ Grazia, e le promentore in numero quatro, e le merlare.
Ma, lassando questa, si passa la punta del Compare, e qui comincia il Golfo del Carnero, e va sino alla foce del fiume d’Arsa, confino d’Italia e Schiavonia; e qui finisce l’Istria, la qual longhezza è intorno a 60 miglia. Ora, perché mi son partito da Pola senza farne menzione alcuna, e per essere città antica, a quella ritorno.
Strabone la chiama Pola, e Plinio colonia, ancor che al tempo di Plinio fusse chiamata Iulia Pietas. Questa è discosta da Trieste 100 miglia, e d’Ancona 200. Giace sopra un’erta, nella cui sumità vi fu già una forte rocca, sì come dalla sua ruina si scorge. Fu edificata Pola dagli esuli e banditi, come dice Calimaco, perciò si ritiene che sia città molto antica, come anche mostrano le sue ruine giacenti i‹n› terra, nelle quali si mirano i vestigi di bellissime e altere fabriche, tra le quali quella dell’anfiteatro è di gran considerazione per esser tutto fabricato di pietre quadre.
Fuori della città si veggono parimente molti sepulcri, colonne, marmi, capitelli, e altro, di varie sorti di pietre.
Questa fu dessolata e arsa da Attila, come anco le altre vicine; ma in fine anco fu saccheggiata e destrutta da Andrea Tiepolo, duce di veneziani, sì come riferisce il Biondo, Sabellico, e il Candido nei suoi scritti"

  •                   Logo AIPI LCPE

    Notizie Importanti

    ANTICO STATUTO COMUNE DI POLA  Click QUI

    Legenda contenuti ANTICO STATUTO DI POLA Click QUI

     

    RASSEGNA DI FOTO E FILMATI    Click QUI

     

    per devolvere il 5%o a AIPI-LCPE   Codice Fiscale 90068810325

     

    ARCHIVIO STORICO DE L' ARENA DI POLA

    TUTTI GLI ARTICOLI Click QUI
    DAL 1948 AL 2009 

    vai su: www.arenadipola.com

     INFORMAZIONI E RECAPITI 
    "ASSOCIAZIONE ITALINI DI POLA E ISTRIA_LIBERO COMUNE DI POLA IN ESILIO"  Acronimo AIPI-LCPE
    mail per informazioni e cellulare:
    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.                +39 388 8580593.

    recapito postale:
    c/o Tipografia Art Group S.r.l.
    via Malaspina 1
    34147 TRIESTE

    ***
    Costo Quota Associativa annuale, con invio del periodico L'ARENA DI POLA, euro 35,00 a mezzo bonifico bancario intestato a:
    Associazione Italiani di Pola e Istria-Libero Comune di Pola in Esilio (AIPI-LCPE)
    IBAN dell’UniCredit Agenzia Milano P.zle Loreto
    IT 51 I 02008 01622000010056393
    BIC UNCRITM1222.

    oppure 

    C/C/P 38407722 intestato a                "il Periodico L'Arena di Pola"

     ***

    Siamo anche su Facebook. Associazione Italiani di Pola e Istria - Libero Comune di Pola in Esilio
    Diventiamo amici.

    ***

    ELEZIONI dell' 11 giugno 2017

    Sindaco/Presidente:
    Tito Sidari
    Vice: Maria Rita Cosliani
    Direttore dell'Arena di Pola: Viviana Facchinetti

     (l'organigramma completo nella sezione
    Chi siamo")