ANTICO STATUTO DEL COMUNE DI POLA XIV - XV Secolo

Cari Amici nel 2020 AIPI-LCPE ODV ha portato a termine la realizzazione, partita come idea già nel 2016 a desiderio dei Presidenti Benco e Canevari, dell'ANTICO STATUTO DEL COMUNE DI POLA, originariamente scritto in latino antico è stato tradotto e riprodotto in un volume di 640 pagine.

Questo progetto ha visto la luce nel 2019 ed è stato portato a termine con l'impegno, costanza e volontà di Bruna Rodriguez Canevari che così ha voluto dare onore e lustro a Tullio ed ad Argeo entrambi scomparsi nel 2017 a distanza di un mese l'uno dall'altro.

Con questa premessa, l'AIPI-LCPE ODV vuole omaggiare tutti i Soci ed assidui lettori di questo sito con la publicazione in rete di questo capolavoro per una libera consultazione.

Cliccando sul sottostante link verrete portati direttamente al file in formato PDF e di seguito trovate anche una legenda quale Guida per addentrarsi nel testo dell'opera.

ANTICO STATUTO DEL COMUNE DELLA CITTA' DI POLA

Legenda per la consultazione del testo de:

ANTICO STATUTO DELLA CITTA’ DI POLA del XIV – XV Secolo

 Pag 1 a pag 14  -  Introduzione al testo, curatori, impaginatori,

                                collaboratori e Ringraziamenti del

                                Presidente Tito Sidari a quanti si sono adoperati per la

                                realizzazione della traduzione del testo.

Pag 15                   -  Riproduzione fotografica della Copertina frontale dell’opera.

Pag 17 a pag 25   - Nomenclatura in latino delle Tavole ed Articoli dello Statuto.

Pag 26 a pag 268 -  Testo anastatico integrale originale in latino antico.

Pag 269 a pag 279 - Trascrizione e traduzione critica a cura di

                                    Umberto Cecchinato.

Pag 281 a pag 283  -  Presentazione dell’Opera in italiano, inglese e croato.

Pag 285 a pag 292   -  Descrizione del Codice manoscritto.

Pag295 a pag  295   -  Criteri di edizione.

Pag 297 a pag 307   -  Appendice a descrizione del manoscritto.

Pag 309 a pag  323   -  STATUTI DEL COMUNE DI POLA  –

                                        Indici dei Contenuti in pagina sinistra in latino ed a

                                        specchio in pagina destra la rispettiva traduzione in

                                        italiano e così per tutte le pagine a seguire.

pag 324 a pag 333   -  PROLOGO -

Pag 334 a pag 411   -  PRIMO LIBRO

Pag 412 a pag 439   - SECONDO LIBRO

Pag 441 a pag 491   - TERZO LIBRO

Pag 492 a pag 553   -  QUARTO LIBRO

Pag 554 a pag 623   -  PARTI PRESE IN CONSIGLIO

Pag 625 a pag  641  -  INDICE ANALITICO, GLOSSARIO, BIBLIOGRAFIA,

Pag 641                     -  INDICE GENERALE

La Strage di Vergarolla di Paolo Radivo

Paolo Radivo

Libro pubblicato nel 2016 da parte dell'Associazione Italiani di Pola e Istria - Libero Comune di Pola in Esilio

con il titolo completo di

" La Strage di Vergarolla (18 agosto 1946)

secondo i giornali giuliani dell'epoca e le acquisizioni successive"

è una completa raccolta di come, quanto e quando i giornali raccontarono l'accaduto.

Paolo Radivo, in una sua personale ricerca, ha raccolto innumerevoli dati che riporta in questo libro.

 

Leggi o scarica il Libro 

 

 

 

 

PIETRO KANDLER - CODICE DIPLOMATICO ISTRIANO


Immagine attiva
 5  VOL.  per un totale di 1551  documenti dal 50 d. C. al  1526
Nell’Appendice al 5 ° Vol . ulteriori 22 documenti dal 1150 al 1717
PER COMPLESSIVE PAGINE  LX  +  2501

            Riproduzione anastatica della raccolta degli elementi a stampa impressi per conto       dell'autore dalla tip. del LLOYD AUSTRIACO, Trieste 1862 - 1865. Ristampa promossa e curata
nel 2003  dal LCPE con il contributo del Governo Italiano  L. 72/2001, completa dI riproduzione digitale su CD, Rilegatura in tutta tela


Immagine attiva
Pietro KANDLER (1804 – 1872), massimo e più stimato cultore della storia di Trieste e del’Istria, dedicò la sua vita allo studio della storia regionale istriana, gettando le basi per una ricostruzione scientifica della storia della Regione Giulia. Il Codice Diplomatico Istriano è riconosciuto come il monumento massimo della storiografia medievale Giuliana.
Carlo Combi, nel suo “Saggio di bibliografia Istriana” pubblicato nel 1863, elenca oltre 70 lavori del Kandler sui più disparati argomenti riguardanti  la Regione Giulia, geografici, etnici,storici,legali, biografici,.
Molti dei suoi scritti sono tuttora inediti.

( N. b. :  Il LCPE dispone ancora di alcuni esemplari in forma cartacea  completi della riproduzione su CD)

Sottocategorie